Mancini allenatore dell’Italia: “Sarebbe un onore”

Si è confessato al Corriere dello Sport il possibile nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana Roberto Mancini. L’ex tecnico del Galatasaray, dove è stato sostituito da Prandelli in uno scambio di ruoli quasi profetico, non si è nascosto e ha svelato in esclusiva: “Allenare l’Italia sarebbe un onore”. Ma poi subito dopo ha aggiunto: “Nessuno mi ha chiamato, ne sarei orgoglioso. Chi dice che guadagno troppo, parla senza sapere. Adesso in Figc servono uomini seri e competenti”. Un vero e proprio manifesto di chi si candida ad essere il prossimo commissario tecnico quello che viene riportato dal quotidiano sportivo oggi in edicola.

L’intervista a Mancini si è poi concentrata su tanti aspetti, innanzitutto sulla possibilità di confermare i senatori in squadra: “Non conta l’età – ha fatto sapere – Pirlo e Buffon non si discutono”, ma bisogna ripartire dai giovani: “Con Verratti e Immobile si può ricostruire”. Su Balotelli è stato chiaro: “Gli voglio bene ma deve capire che è cresciuto”.

Leggi anche — > Mancini: per il prossimo mondiale potrei guidare Nazionale