Mazzarri al Corriere della Sera: "Contano i risultati sul campo e quelli economici"

Walter Mazzarri ha parlato di tanti argomenti relativi all’universo Inter nella lunga intervista concessa al Corriere della Sera in edicola oggi. Anche il Napoli, sua ex squadra non poteva che essere in qualche modo oggetto di qualche domanda da parte dei giornalisti, soprattutto alla vigilia di un match importante come quello di domenica sera al San Paolo. L’allenatore toscano ha detto di aver lasciato tanti bei ricordi in Campania e di aver la coscienza a posto per quanto fatto nei quattro anni di permanenza alla guida della squadra di De Laurentis.

Tanti sono i giocatori, forti e meno forti, che il tecnico nerazzurro ha allenato al Napoli, ma ce n’è uno che, in modo particolare, Mazzarri crede di aver avuto il merito di aver saputo valorizzare: “Zuniga. Veniva dal Siena e all’inizio il San Paolo lo fischiava e con lui fischiava Paolo Cannavaro, che è diventato il capitano”. Quando gli viene posta la domanda su chi possa a suo avviso essere lo ‘Zuniga’ dell’Inter, il tecnico di San Vincenzo non ha dubbi e risponde secco: “Direi la squadra Inter. Qui ce ne sono alcuni che, se dovessero continuare a giocare a questi livelli, diventerebbero risorse aziendali importanti. Ecco come dovrebbe essere valutato un allenatore: rapporto tra quello che ha preso, risultati sul campo e risultati economici”. 

Juan Camilo Zuniga

Mazzarri è certo che possa riuscire a valorizzare una squadra come quella dell’Inter, ed effettivamente i risultati sono dalla sua. L’allenatore di San Vincenzo ha preso la guida dei nerazzurri soltanto quest’anno e in pochi mesi  ha fatto sì che questi ragazzi ritrovassero la fiducia smarrita, la consapevolezza nei propri mezzi e  la voglia di fare. Oggi l’Inter non è più la squadra svogliata dell’anno passato, priva di identità e facilmente affrontabile. È, piuttosto, una squadra difficile da battere – solo una sconfitta in 15 giornate di campionato – che pur con evidenti lacune nella rosa, da colmare preferibilmente nel mercato di riparazione invernale, è fin qui riuscita a stare a 4 punti dal terzo posto, che significherebbe Champions.

E domenica, vincendo, avrebbe la possibilità di accorciare ancora e portarsi ad una sola lunghezza dal Napoli. Tutto ciò non può che esser merito di Mazzarri che ha ridato linfa a giocatori che l’anno passato non sembravano nemmeno da Inter e oggi ne sono la colonna vertebrale. Bisogna aspettare Gennaio, come dice il tecnico toscano, per capire dove questa squadra possa realmente arrivare, ma oggi è doveroso riconoscere che è Mazzarri, per noi, lo Zuniga dell’Inter.

Leggi anche -> Notizie Inter, Mazzarri: “La pressione è importante per cercare di vincere sempre”

Leggi anche -> Notizie Inter, Mazzarri: “A metà Gennaio capiremo dove può arrivare l’Inter”

Leggi anche -> Notizie Inter, Mazzarri: “Ho la coscienza a posto di aver fatto bene a Napoli”