Miccoli, il Comune di Corleone revoca la cittadinanza onoraria

Ancora una giornata nera per Fabrizio Miccoli dopo l’episodio che lo ha visto coinvolto nei casi di imputazione per estorsione, ma oltre alle procedure giudiziarie ci sono quelle famose parole pronunciate che hanno sconvolto tutta Palermo. Parole delle quali l’ex attaccante rosanero si è subito pentito, chiedendo scusa a tutta la città di Palermo durante una conferenza stampa.

Ma la decisione del Comune di Corleone di revocare la cittadinanza a Miccoli sembra irremovibile. Il sindaco Savona non ha evidentemente accolto le scuse del pugliese e in un’intervista dichiara: “Ho sentito che ha detto di essersi pentito  ma non doveva neanche pensare di pronunciare quelle parole. Per noi Giovanni Falcone è un eroe e quelle parole per noi sono inaccettabili”.

giovanni falcone

Quindi cittadinanza onoraria revocata per Miccoli che continua a navigare in burrasca, d’altra parte le intercettazioni sono oramai state rese pubbliche e diviene davvero difficile pensare che la situazione possa risolversi con un niente di fatto.

Leggi anche –> Miccoli insulta Falcone: “Chiedo scusa, non sono un mafioso”

Leggi anche –> Fabrizio Miccoli insulta Giovanni Falcone. Indagato per estorsione