Milan 2014-2015, Filippo Inzaghi riscopre M'Baye Niang

Il Milan, dopo la vittoria di ieri sera sul Chivas  Guadalajara per 3-0, ha chiuso nel migliore dei modi le propria tournée americana. Filippo Inzaghi ha avuto l’occasione di provare tutti i giocatori a disposizione, confermando spesso nell’undici di base quelli su cui può già fare affidamento, come M’Baye Niang. Il giovane attaccante francese è stato il protagonista di una prova più che convincente anche nella partita di ieri, mettendo a segno il gol che ha sbloccato la gara e creando enormi difficoltà ai difensori avversari con le sue continue progressioni e accelerazioni sulla fascia.

Niang ha scambiato bene anche con Mario Balotelli, autore del secondo gol rossonero. La loro intesa in campo è sembrata funzionare al meglio. Filippo Inzaghi non può dunque che sorridere per la ritrovata verve del suo attaccante, il numero 19 rossonero, infatti, è stato impiegato in tutte le amichevoli del Milan in terra americana e ha sempre risposto bene, con prestazioni in costante escalation. Niang rappresenta così un esterno d’attacco in più per il suo nuovo allenatore: giovane e straripante sotto il profilo fisico, deve migliorare molto dal punto di vista della continuità di rendimento e della freddezza sotto porta.

Nella passata stagione, complice la difficile annata del Milan, il giocatore classe ’94 non è mai riuscito a ritagliarsi gli spazi giusti, finendo col trasferirsi in prestito al Montpellier nella sessione di mercato invernale. In Ligue 1, dal gennaio al giugno 2014, collezionerà 19 presenze mettendo a segno 4 gol. I cattivi rapporti col club e in particolare col suo presidente Louis Nicollin, gli impediranno un trasferimento definitivo nella squadra francese che pure aveva l’opportunità di riscattarlo dal Milan. Ora, al contrario di quanto successo nelle passate gestioni di Allegri e Seedorf, Filippo Inzaghi si tiene ben stretto il ritrovato M’Baye Niang.

Leggi anche: