Milan 2014-2015, Pippo Inzaghi rilancia il progetto giovani

Il calciomercato del Milan sembra essere bloccato dall’assenza di fondi e dagli esuberi, ben noti a tutti, che aspettano ancora un’adeguata sistemazione. Ecco perché il nuovo corso rossonero di Filippo Inzaghi sembra, almeno per il momento, essere quasi interamente incentrato sul progetto giovani. Nella Guinness International Champions Cup 2014, sono ben sei i giocatori che il nuovo tecnico ha portato con sé in prima squadra, prendendoli in prestito dalla Primavera: Benedicic, Modic, Mastalli, Di Molfetta, Simic e Pinato,oltre al talentuoso Hachim Mastour, quest’ultimo già presente nella rosa ufficiale del Milan.

Solo l’anno scorso i ragazzi della Primavera guidati da SuperPippo vincevano il Trofeo di Viareggio e mettevano in mostra le loro qualità anche nella Youth League, la Champions League dei giovani. La costante crescita del settore giovanile rossonero, coordinato da Filippo Galli, e guidato quest’anno da Christian Brocchi, per quanto riguarda la Primavera, rappresenta un motivo di orgoglio e una risorsa fondamentale in tempi economicamente tanto difficili, non solo per la società di via Aldo Rossi, ma per tutto il calcio italiano. Il Milan ha già dimostrato di sapersi muovere con le tempistiche giuste per quanto concerne la valorizzazione e la scoperta degli elementi più “freschi” e interessanti, potendo contare oggi su un rosa che presenta diversi under 25: da Niang a El Shaarawy, da De Sciglio a Cristante, solo per citarne alcuni.

Sarà necessario in ogni caso avere pazienza, perché tutti questi giocatori hanno bisogno di tempo per crescere, sia sotto il profilo tecnico che sotto quello dell’esperienza in campo. La speranza è che quella intrapresa dal Milan sia la strada giusta da seguire, ovvero cercare di “costruirsi” i campioni in casa, e che la scelta di Inzaghi come nuovo allenatore insista in questa direzione.

Leggi anche: