Saranno Bacca e Lapadula i nuovi gemelli del gol del Milan? È questa la domanda che tutti i tifosi rossoneri si pongono dopo l’ingaggio del capocannoniere dell’ultima Serie B.

In realtà sui social il nuovo colpo ha scatenato reazioni contrastanti: alcuni hanno visto in esso il primo passo di un risorgimento rossonero post-berlusconiano, mentre altri, ancora memeori dei grandi centravanti che hanno vestito la maglia del Milan in un passato neanche troppo lontano, hanno bollato il nuovo innesto come ”non da Milan” e, infine, qualcuno si è anche avventurato in un paragone con Carlos Bacca.

È indubbio che Lapadula e Bacca siano due attaccanti diversi e per tanto abbastanza compatibili: infatti, il colombiano ama giocare molto più vicino la porta ed è in possesso di un ”killer instinct” decisamente fuori dalla norma, mentre l’italo-peruviano è più dinamico, ama svariare su tutto il fronte offensivo e non si tira indietro se c’è da dare una mano in fase di copertura. Sarebbe una forzatura pensare a un Lapdula centravanti se in squadra c’è un uomo del livello di Bacca e, a meno di esigenze di mercato che possano portare l’ex Siviglia lontano da Milanello, non si può non considerare Bacca-Lapadula un ottimo tandem d’attacco da cui ripartire.

Molto naturalmente dipenderà da chi sarà il prossimo tecnico rossonero e da che impronta darà alla squadra, ma Lapadula potrebbe essere davvero un ottimo partner per Bacca che, pur non essendo stato impeccabile nell’ultima fase della stagione, non ha mai fatto mancare il suo apporto ed è considerabile a ragion veduta il miglior giocatore presente nell’attuale rosa milanista.