Progetti importanti in casa rossonera: la rivoluzione societaria milanista dei cinesi si baserà sulla costruzione di un nuovo stadio di proprietà e sulla quotazione in borsa del marchio Milan. In questo mese di trattativa in esclusiva questi saranno i punti di primaria importanza da chiarire subito per la cordata cinese. Lo riporta l’edizione odierna de La Repubblica.

I nuovi investitori del club rossonero ritengono essenziale la costruzione di uno stadio nuovo direttamente sotto il controllo della sede di via Aldo Rossi. L’impresa era già stata tentata da Barbara Berlusconi, che però aveva dovuto rinunciare al progetto a causa dei costi troppo elevati.

Il secondo pilastro della strategia cinese è la quotazione in Borsa della società, obbligatoriamente nella Borsa di Hong Kong, mentre quella di Milano è preferibile ma non indispensabile. Al momento le squadre di Serie A quotate in Borsa sono solo Juventus, Lazio e Roma.

LEGGI ANCHE:

Milan, Ecco Quando Cade La Scadenza Per I Cinesi
Milan, Cessione: Zhu nella cordata e Pavia come società satellite?