Ha parlato ai microfoni di milannews.it, il telecronista e giornalista sportivo di Sky, Maurizio Compagnoni, dichiarando le sue opinioni in merito al finale di stagione del Milan, al cambio di panchina e all’imminente questione societaria della società rossonera.

Ecco le dichiarazioni rilasciate alla testata giornalistica online milannews.it dal giornalista e telecronista di Sky, Maurizio Compagnoni:

Su chi dovrà affidarsi sabato prossimo il Milan, Maurizio, per affrontare degnamente la Juventus?
Io quando sento che il Milan ha una difesa scarsa, rimango sconcertato. Farà difetto l’atteggiamento, il rendimento, ma qualitativamente non è inferiore a molte squadre. La finale contro la Juve darà la giusta motivazione, come accadde a San Siro quando i rossoneri arrivarono da un periodo negativo, ma per un’ora misero sotto la Juve, facendo una grande partita. Il problema è che non basterà essere concentrati solo per sessanta minuti…”.

Sarà, questa,  secondo te, l’ultima chance per molti giocatori?
Sicuramente lo sarà nel caso avessero lo stesso rendimento offerto contro la Roma. Il problema però è anche un altro: oltre ai tanti in scadenza di contratto, ci sarebbe anche da risolvere la questione di chi percepisce un ingaggio sostanzioso, che  potrebbe ostacolarne la cessione. La gestione degli stipendi al Milan è fuori da ogni logica di mercato”.