Milan, Ecco l'ultimatum dei cinesi

I cinesi si sono stancati dei continui dubbi di Berlusconi e arriva l’ultimatum: o il cavaliere firma la trattativa in esclusiva o gli investitori se ne tornano a casa.

La scadenza arriva con la firma di Sal Gralatiolo, l’advisor che sta facendo da mediatore tra la conglomerata cinese, composta da almeno sei gruppi finanziari e la Fininvest.

”Sto cercando di vendere il Milan da un anno e preferibilmente lo lascerei in mani italiane” questo il post comparso sul profilo ufficiale di Facebook di Silvio Berlusconi che ha fatto perdere definitivamente la pazienza agli investitori. Ora l’ultimatum: la conferma accompagnata dalla firma dell’accordo in esclusiva deve arrivare entro domani, altrimenti i cinesi diranno addio all’affare. Ulteriori proroghe verranno concesse solo in caso servano ulteriori dettagli per il sì, mentre qualsiasi altra “scusa” che potrebbe aiutare il presidente a prendere tempo verrà rifiutata.

L’affare prevede l’acquisto del 100% del Milan per 730 milioni: il 70% subito e il restante 30% entro il termine della prossima stagione. Le garanzie economiche sono state fornite ma i nomi degli acquirenti sono rimasti top-secret nonostante i dubbi del’ex premier. Durante questo weekend si è lavorato e anche gli ultimi dettagli necessari all’operazione sono arrivati. Ora si aspetta solo il sì di Berlusconi e la fine di questo lungo tira e molla.