Europa League 2017-18: Il Milan esce a testa alta!

Rossoneri sconfitti 3 a 1 dall'Arsenal

Gattuso aveva promesso che il suo Milan ci avesse provato, davanti ad un ostacolo difficile ed un risultato che lasciava poche speranze. Eppure i rossoneri ci hanno creduto all’impresa fino al gol fortunoso di Granit Xhaka al 22′ della ripresa, frutto della papera di Donnarumma.

Il primo tempo della partita del Milan

Davanti a 2500 tifosi del Milan in trasferta, la squadra di Gattuso, schierata con un 4-3-3 volta all’attaco “rischia” di aprire la partita ad appena 45″ dal fischio d’inizio con con un’azione veloce in verticale finalizzata da Andrè Silva. L’Arsenal di Arsenè Wenger invece inizia con una formazione difensiva, un 4-4-1-1 con Jack Wilshere dietro all’unica punta Danny Wellbeck. Primo tempo bello da vedere con le squadre che non perdono tempo a studiarsi e si buttano subito all’attaco, verso il minuto 20 addirittura le squadre sembrano già molto lunghe con contropiedi e lanci lunghi da una parte all’altra. La gara si sblocca al minuto 35′ quando Rodrigues avanza sulla fascia sinistra e serve Calhanoglu che guarda la porta e fa partire un tiro da fuori area che si infila all’angolo destro con Ospina battuto.

L’incredibile succede al 39simo, quando l’arbitro di porta segnala un presunto fallo di Rodrigues su Wellback e quindi assegnando un calcio di rigore all’Arsenal, che Wellbeck segna indirizzando il pallone dalla parte opposta a Donnarumma. Mach che si innervosisce e nel giro di 3 minuti scattano 3 cartellini gialli: Donnarumma e Romagnoli per proteste e trattenuta rispettivamente.  Il secondo tempo comincia con il Milan che ci crede nell’impresa e arriva vicino al vantaggio prima con Jack Cutrone con un tiro al volo poi con Nicola Kalinic (entrato proprio per Cutrone) con un tiro di testa ravvicinato ma che Ospina blocca. La fortuna assiste di nuovo i Gunners al minuto 71 quando Granit Xhaka fa partire un tiro da circa 30 metri che Donnarumma non riesce a bloccare, gli rimbalza davanti, e si infila in porta sul palo opposto.

Svolgimento della ripresa

Il Milan allora smette di crederci, il risultato è troppo pesante ed il tempo troppo limitato, quindi sale in cattedra Whilshere che crossa da fondocampo per Whellbeck che prima si fa parare da Donnaruma, che di nuovo non riesce a bloccare, e sul rimpallo Whellbeck non sbaglia più di testa. Finisce così, 3 a 1, un risultato non veritiero per quel che si è visto in campo, la squadra di Gattuso avrebbe meritato quantomeno il pareggio, il Milan esce dunque a testa alta, ma il suo cammino in Europa League termina qui.