Sono cominciate le trattative tra Milan e Roma per accordarsi sulla cifra da destinare al riscatto del giocatore italiano, fissata a 13 milioni. Nella capitale si tenta di abbassare le pretese della dirigenza rossonera, ma sarà dura.

Il giocatore di origini egiziane ha fatto bene quest’anno con Spalletti, che lo vorrebbe anche nel 2017 come interprete ideale del suo stile di gioco. I sei gol segnati finora (di cui uno subito all’esordio) e le ottime prestazioni viste in campo sono quindi degli ottimi motivi per sborsare quanto richiesto dal Milan al momento della cessione in prestito.

La squadra giallorossa vorrebbe però abbassare le pretese economiche, anche perché i giocatori da riscattare, oltre all’attaccante classe ’92, sono il terzino Digne ed il centrale Rudiger, entrambi protagonisti di un’ottima stagione. Con questi tre giocatori la cifra totale da sborsare sarebbe sui 35 milioni, quindi un investimento importante che potrebbe portare il Presidente Pallotta a rinunciare ad uno di loro.

Non è il caso di El Shaarawy, per il quale si vorrebbe scendere sui 10/11 milioni di euro. Il Milan, date le prestazioni del giocatore a Roma, non è intenzionata ad abbassare di molto le sue richieste, ma l’impressione è che un accordo potrebbe essere trovato comunque in tempi brevi.

LEGGI ANCHE:

Milan, Dalla Spagna: voci su un quadriennale a Nolito

Milan, Salvini: “La società non ne azzecca una da anni”