Milan, Massimiliano Allegri ha stufato tutti: deve andarsene?

Una bruttissima sconfitta quella di questa sera per il Milan, una squadra apparsa svogliata, senza motivazioni, incapace di mettere in difficoltà una Fiorentina comunque ben messa in campo. Le due sconfitte con Parma e viola però fanno riflettere. La squadra di Massimiliano Allegri non gira più, ormai da un bel pezzo. Non ci sono più alibi. Non è colpa degli infortuni, le fasi iniziali del campionato sono ormai passate e si sta entrando nel vivo, ma il Milan è l’unica grande che ancora bazzica nella parti basse della classifica. I tifosi sono stufi e vogliono un cambiamento radicale fin da subito, ma la società dorme sonni tranquilli. Dalle parole di Allegri, poi, si capisce come il mister rossonero non trovi il bandolo della matassa.

Galliani Allegri

Nonostante una partita giocata malissimo Allegri cerca ancora scuse, facendo riferimento al gol di Vargas che ha sbloccato il match, parlando di “sfortuna” e di “tiro deviato”. La verità è che il Milan non ha saputo reagire, è rimasto sotto per tutta la durata dei 90 minuti ed è stato dominato completamente dalla Fiorentina. Nessun tiro in porta degno di nota, un Balotelli che sembra essere soltanto la brutta copia di quello ammirato fino a questo momento a Milano e un allenatore che sembra non sappia più cosa fare. Adesso si andrà in ritiro, prima della partita di Champions contro il Barcellona e poi quella in campionato contro il Chievo, due partite che potrebbero decidere il futuro di Allegri. Adriano Galliani gli ha rinnovato ancora una volta la fiducia, ma questa potrebbe essere davvero l’ultimo spiaggia. L’allenatore si è assunto tutte le responsabilità per la sconfitta di stasera, ha accettato le critiche dei tifosi, ha dichiarato di voler trovare la soluzione. Tra il dire e il fare, però, mister Allegri, c’è una bella differenza.

Leggi anche –> Milan-Fiorentina 0-2, Vargas e Borja Valero stendono i rossoneri

 

Articolo precedenteMilan-Fiorentina 0-2 (Vargas, Borja Valero): Risultato Finale
Articolo successivoMilan-Fiorentina 0-2, Allegri: "Troverò una soluzione"
Dottoressa in Giurisprudenza con specializzazione in diritto penale, Avvocato praticante e (ormai) ex pallavolista. Sto ancora studiando per realizzare il mio sogno di diventare un Magistrato,ma la grande passione della mia vita è sempre stata il calcio,l'unico vero amore il mio Milan. Cresciuta a pane e partite di pallone,sono passata dal divertire i miei amici con i miei commenti calcistici sui social a scrivere per davvero e non c'è niente di più gratificante che scrivere di ciò che ami!