La breve carriera di Brocchi sulla panchina rossonera sta per finire: verrà sostituito, indipendentemente dal risultato, dopo la Coppa Italia. Ora ci si chiede chi sarà il suo sostituto: l’ipotetica candidatura di Lippi ormai è sfumata, Montella sembra nuovamente in cima alle preferenze di Berlusconi insieme a Manuel Pellegrini.

Al momento non c’è ancora di nulla di certo, ma questa è una decisione che il Milan dovrà prendere in fretta per poter riuscire a risollevarsi dopo il brutto periodo che sta vivendo, mentre Berlusconi è sempre più arrabbiato coi suoi giocatori, incolpandoli di giocare male volutamente.

Il più gettonato rimane Montella, che però è legato per contratto alla Sampdoria fino al 2018, che comunque contiene un’interessante liberatoria grazie alla quale potrebbe andare ad un’altra squadra nel caso in cui ci fosse una società interessata e lui si trovasse d’accordo, pagando semplicemente un milione alla Samp.

L’allenatore non si sbilancia più di tanto e dichiara che se arrivasse una chiamata dalla Nazionale per lui sarebbe impossibile dire di no, ma è probabile anche l’ipotesi di rimanere a casa l’anno prossimo. Poi ammette che sta cercando di non rispondere direttamente alla domanda sui suoi progetti futuri: che stia valutando seriamente la possibilità di passare alla panchina rossonera? Nel frattempo la Samp, pur non avendo avuto segnali contrari da Montella, sta già esaminando possibili candidati come Iachini, Pioli, Giampaolo e Maran.