Milan News, Galliani: ''Donadoni rossonero doc''

Questa mattina, presso la sala Buzzati de la Gazzetta dello Sport, si è tenuta la cerimonia di consegna del Premio ”Giacinto Facchetti-Il Bello del Calcio” che quest’anno è stato assegnato all’ex tecnico del Parma ora sulla panchina del Bologna Roberto Donadoni. Era presente anche l’a.d. del Milan Adriano Galliani che non si è sottratto alle domande dei cronisti ed ha parlato di molti argomenti:

Donadoni è stato un interprete straordinario del Milan di Sacchi e Capello. Al di là delle qualità tecniche, lui per molti versi assomiglia a Facchetti, hanno in comune l’eleganza e i modi di fare. I giudici hanno proprio azzeccato la scelta”, così Galliani si espresso sul tecnico dei rossoblu che, dopo aver dimostrato le sue qualità tecniche ed umane nella difficilissima esperienza di Parma la passata stagione, ha cambiato volto ad un Bologna in difficoltà. Come prevedibile, lo storico dirigente rossonero ha negato un interesse passato del Milan per Donadoni, ma non ha escluso che in futuro la situazione possa cambiare, considerato il fatto che il tecnico del Bologna è, per citare Galliani, un ”rossonero doc”.

Ovviamente non sono mancate le domande sulla situazione attuale del Milan che Galliani ha così analizzato:”Abbiamo fatto undici punti nell’ultimo segmento. La panchina di Sinisa al momento è saldissima. Se avessimo pareggiato con la Lazio e vinto con l’Atalanta sarebbe stato un cammino perfetto, ma è meglio aver battuto la Lazio, molto spesso però ci si ricorda solo dell’ultima partita“.

Sulla questione Mario Balotelli, l’a.d del Milan non si è dilungato a lungo affermando:”La decisione l’abbiamo presa, ma lascerei parlare i medici, non sta a me commentare” e sul big match che attende la squadra contro la Juventus domenica si è così espresso:”Dal punto di vista del gioco speriamo di ripetere la prestazione fatta con la Lazio“.

Ovviamente non è stato possibile evitare di parlare dei drammatici fatti di Parigi che sono stati definiti ”terribili” da Galliani che ha inoltre aggiunto che si sta valutando l’opportunità o meno di mettere in atto qualche iniziativa per il ricordo delle vittime.

Leggi anche: