L’incredibile seconda parte di stagione disputata da Leonardo Pavoletti ha fatto sì che in molte squadre si siano interessate al ventisettenne attaccante del Genoa. Anche il Milan sembra aver messo sotto osservazione questo giocatore, ma perché portarlo a Milanello?

LA NAZIONALITÀ – In un periodo di magra per il calcio italiano, non è facile trovare calciatori con il senso del gol di Pavoletti che, lo ricordiamo, ha messo a segno 13 reti in praticamente un girone, entrando prepotentemente in corsa per entrare tra i convocati di Antonio Conte per gli Europei francesi.

Ovviamente l’essere italiani non può bastare da solo a meritarsi una maglia rossonera, ma è dovere di un grande club come il Milan cercare di accaparrarsi i migliori calciatori italiani e Pavoletti, pur essendo esploso tardi, al momento è tra questi.

RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO – Una motivazione strettamente tecnica per acquistare Leonardo Pavoletti potrebbe essere il fatto di poter essere il perfetto sostituto di Carlos Bacca: infatti, al momento la rosa del Milan non annovera dei centravanti veri che possano fungere da alternativa al colombiano. Oltre che per caratteristiche tecniche, il genoano potrebbe avere anche le qualità caratteriali per accettare un ruolo da ripiego senza creare problemi all’interno di uno spogliatoio che, se non dovessero cambiare radicalmente le cose con il mercato estivo, non è l’emblema della serenità. Ovviamente c’è anche un discorso di tipo economico che, in caso non dovesse andare in porto la cessione del club ai cinesi, è di fondamentale importanza poiché, come oramai è noto, i top player tendono a tenersi alla larga da Milanello.

Leggi anche:

Perché non prendere Pavoletti?

Perché scegliere Ben Arfa?