Ancora non si è messo un punto fermo alla questione dell’esclusiva della cordata cinese e il presidente del Milan, Silvio Berlusconi, temporeggia sul dare il suo assenso. Ebbene, il motivo di questo temporeggiamento potrebbe essere legato non solo all’aspetto emotivo del lasciare la sua “creatura” ma anche ad un aspetto economico.

Ancora una volta, ciò che ferma le trattative è il motivo economico poichè la società che finanzia il Milan, la Fininvest, vorrebbe ben più di un semplice accordo: vorrebbe le garanzie che la cordata cinese possa veramente sborsare cifre da capogiro. Garanzie bancarie che però tarderebbero ad arrivare.

Tutti questi temporeggiamenti portano ancora di più ad avere dubbi, sopratutto il presidente torna ad averne dopo la sua iniziale indifferenza verso la cessione ora sembrerebbe che non abbia ancora deciso sul futuro della sua società calcistica. Si sa solo che la spinta dei tifosi è forte e un’altra annata così porterebbe al tracollo non solo della fiducia ma anche al tracollo finanziario.