Rischia di avere strascichi inaspettati la ribellione dei piccoli azionisti del Milan dopo il CdA di giovedì scorso. L’avvocato Giuseppe La Scala potrebbe infatti pagare con la querela alcune parole rivolte alla società.

A riportarlo è Milan News, insieme alle parole ingiuriose pronunciate dall’avvocato durante il CdA di giovedì pomeriggio. L’avvocato aveva infatti definito il Milan “una società tecnicamente fallita” e “di minchioni”, parole decisamente ingiuriose ed offensive che sono state messe a verbale.

Adesso spetta all’avvocato Leandro Cantamessa decidere se procedere o no il prossimo lunedì contro l’avvocato La Scala. Un finale che di sicuro non fa onore ad una società come quella milanista ed ennesimo simbolo (se ce ne fossero ancora bisogno) del totale caos che regna all’interno dell’ambiente rossonero.

Ricordiamo che gli animi si erano scaldati al momento di mettere sul tavolo il bilancio del 2015, con 240 milioni di euro di debiti ed un fatturato in costante calo, insieme ai ricavi provenienti dallo stadio San Siro.

LEGGI ANCHE:

Calciomercato Milan: Zapata verso la Turchia?

Milan-Frosinone, Convocati Ufficiali