Mancano tre giornate alla conclusione del campionato di Serie A 2015/2016 ed il Milan è chiamato ad un ultimo sforzo per conquistare, dopo tanti anni di digiuno, l’Europa. Avversario principale il super Sassuolo di Di Francesco, che sembrava aver perso il passo alcune giornate fa, ma che adesso si è rifatto sotto, complice anche il punto nelle ultime due giornate dei rossoneri contro Carpi e Verona.

Difficile dire chi sia il favorito, anche perché il calendario può considerarsi di pari difficoltà per entrambe le squadre. I neroverdi dovranno infatti affrontare il Verona in casa e il Frosinone fuori. I veronesi si sono dimostrati ossi duri contro il Milan, ma adesso la retrocessione matematica potrebbe togliere motivazioni e voglia agli uomini di Del Neri. Ostico fuori casa invece il Frosinone, che al Matusa ha fatto la maggior parte dei punti quest’anno e tra due giornate potrebbe essere ancora in corsa per la salvezza. All’ultima giornata arriva poi l’Inter, ancora in corsa per il terzo posto con la Roma, che all’ultima giornata si scontrerà invece con il Milan a San Siro.

Anche i rossoneri dovranno vedersela con il Frosinone domenica prossima, sempre a San Siro, per poi trasferirsi a Bologna in quella che sarà l’ultima trasferta stagionale con una squadra che, a salvezza acquisita, ha ormai poco da chiedere alla sua stagione.

Insomma, le cosiddette “tre finali” per salvare una stagione che nell’ultima parte ha preso una piega quasi tragica. L’anno prossimo si riparte, ma da dove? Il sesto posto garantirebbe i preliminari di Europa League, con la necessità quindi di anticipare la preparazione fisica nella prossima stagione e la conseguente perdita della tradizionale trasferta estiva fuori dall’Europa, fonte importante per la società sia di introiti che di marketing.

LEGGI ANCHE:

Milan, è Jack Ma il Capo Della Cordata Cinese

Milan, “Commandos Tigre” smentiscono lo scioglimento