Giorgio Squinzi, presidente del Sassuolo, ha commentato la crisi del Milan, spendendo alcune parole anche sul presidente Berlusconi.

“Milano soffre la saturazione delle due grandi famiglie – ha dichiarato a Il giornale – Berlusconi ogni anno mette tantissimi soldi e grande passione, ma non ci sono idee, c’è la totale assenza di un progetto, si fanno acquisti senza un criterio preciso”.

Stesso discorso anche per l’ex presidente interista Massimo Moratti:

“Moratti invece non ha più la forza economica e anche fisica per sostenere una carica così rilevante in una grande società. L’idea dei partner, da qualsiasi nazione essi provengano a me non piace e non entusiasma, penso che una società debba restare nelle mani di una sola persona, è troppo dispersivo e confuso affidarsi a dei partner, anche perchè non si da l’idea di una società solida”.

Insomma, al presidente del Sassuolo l’idea dei partner societari non piace per nulla, ma forse attualmente è l’unica strada percorribile per il Milan. Il clima di incertezza sta facendo “scappar via” alcuni giocatori: l’esempio è Suso, il quale nelle ultime settimane ha lasciato intendere che non tornerebbe volentieri al Milan, in quanto l’enorme confusione societaria potrebbe minare la sua carriera”.

LEGGI ANCHE:

Coppa Italia, Berlusconi: “Vincere sarebbe importantissimo”

Milan, Sacchi a MN: “Giampaolo ottima scelta”