Mondiale 2014, le tre peggiori Nazionali

Il Mondiale 2014 così come ogni competizione ha regalato sicuramente delle gioie ma anche tante delusioni. Germania, Arentina e Olanda hanno regalato sicuramente le gioie più grandi ai propri tifosi, ma ci sono state anche Nazionali che, invece, hanno lasciato nel cuore e dell’animo dei propri tifosi grande amarezza. CalcioNow.it ha voluto stilare il podio delle Nazionali Flop del Mondiale in Brasile.

Al primo posto mettiamo l’Italia. La Nazionale azzurra era partita benissimo con la vittoria sull’Inghilterra e aveva generato negli italiani delle speranze andate poi deluse con le prestazioni messe in campo dagli uomini di Prandelli contro Costa Rica e Uruguay. Per non parlare della catastrofe generata dall’eliminazione: le dismissioni del Ct Prandelli, quelle del Presidente Federale Abete e il “processo” a Balotelli. Medaglia d’oro dei flop.

Secondo gradino per la Spagna. La Nazionale detentrice del titolo mondiale ha profondamente deluso nelle due partite iniziali. La colpa principale della disfatta della Roja è sicuramente di Del Bosque, le sue scelte tecniche hanno penalizzato i campioni in carica. Dimostrazione ne è il fatto che l’unica partita vinta vedeva scendere in campo ed ergersi a protagonisti i calciatori della vecchia Roja, quelli che per l’appunto hanno sollevato le coppe.

Terzo gradino del podio e medaglia di bronzo per il Brasile che non è partito di certo da favorito, ma aveva lasciato sognare i suoi tifosi grazie al talentino Neymar, unico top in questo flop. Con l’infortunio dell’attaccante la Seleçao perde carattere e vittorie, svanisce così il sogno dei brasiliani di alzate la sesta Coppa del Mondo in casa propria.

TUTTO SUI MONDIALI IN BRASILE

Leggi anche -> Mondiali 2014, Calciatori: i migliori e i peggiori