Mondiali 2018, il Girone B: Calendario ed orari Partite

Spagna e Portogallo sono le favorite nel raggruppamento, possibile sorpresa il Marocco

Il girone B del Mondiale di Russia vede gareggiare per due posti Spagna, Portogallo, Marocco e Iran. La Roja è sicuramente la favorita di questo girone e una delle pretendenti alla vittoria finale, assieme a Germania, Brasile e Francia. I portoghesi, campioni d’Europa in carica, invece potrebbero essere la seconda forza del girone, insidiati dal Marocco con l’Iran a fare da terzo incomodo. Se il primo posto sembra quasi certo, per il secondo invece è bagarre tra le altre tre.

Le squadre del girone B

Il timore è che la Spagna si riveli per la Nazionale già ampiamente vista negli anni passati: ottima tecnicamente, spettacolare  da vedere, ma perdente, senza energia e poco efficace nei momenti che contano. Per scongiurare un ritorno al passato e riaprire un nuovo ciclo vincente, la Federazione spagnola ha scelto Lopetegui al posto di Del Bosque, il quale si è ritrovato davanti al problema di cambiare una grande del calcio europeo senza poter contare veramente.

Allora il CT spagnolo ha provato a dare nuova forma alle furie rosse: ha dato nuove soluzioni, ha modificato un sistema di gioco ormai cristallizzato, ha reso la squadra più liquida e meno prevedibile. E così la Spagna si presenta ai Mondiali quasi con gli stessi undici titolari di due anni fa, ma con un atteggiamento completamente diverso: il tikitaka di Del Bosque ha lasciato il posto ad accelerazioni e contropiedi letali.

Fernando Santos non ha commesso l’errore che commettono tutti i CT che vincono una competizione: ha cambiato quasi il 50% dei giocatori, anche se tra i titolari le novità sono poche. Tra gli esclusi vi è persino il giocatore che decise con il suo gol la finale contro la Francia, ovvero Eder. A livello di gioco, il Portogallo non è cambiato granché: mantiene la sua semplicità di manovra, con movimenti appresi a memoria e la ricerca costante di Cristiano Ronaldo.

Il Marocco si presenta come una Nazionale estremamente talentuosa, ma il CT Renard non ha a disposizione tutta la miglior rosa possibile, a causa degli infortuni e per le sue scelte tecniche alquanto discutibili. I marocchini dovranno fare a meno di giocatori come Feddal, Labyad e Boufal. In ogni caso, la tecnica non mancherà e il gioco a due nello stretto sarà la vera arma per questo Mondiale.

L’Iran si appresta a partecipare al quinto mondiale della sua storia. Il CT Queiroz è riuscito a imprimere una svolta decisiva alla squadra, tanto da rendere la sua Nazionale inferiore solo al Giappone nel contesto asiatico. Una crescita sempre più importante se si pensa al difficile percorso fatto per arrivare in Brasile nel 2014: dopo una serie di sconfitte, gli iraniani erano riusciti a ottenere il pass per il Brasile solo al fotofinish, grazie a una vittoria sulla Corea del Sud.

Le partite

15 giugno: ore 17 Marocco – Iran e alle ore 21 Spagna – Portogallo

20 giugno: ore 14 Portogallo – Marocco e alle ore 21 Iran – Spagna

25 giugno: ore 20 Spagna – Marocco e Iran – Portogallo.