Moviola Serie A, 2a Giornata (2016-2017)

La moviola degli episodi arbitrali, riferendoci al regolamento, della 2a giornata di Serie A 2016-2017.

Analizziamo caso per caso, partita per partita, tutti gli episodi arbitrali nella moviola della 2a giornata della Serie A 2016-2017.

Lazio – Juventus  Arbitro – Guida da Torre Annunziata

Pochi gli episodi nel primo anticipo della seconda giornata, tre i cartellini gialli: a Radu, che nel primo tempo dà un calcio da dietro a Dybala, a Lemina che nel secondo tempo perde palla e poi stende Parolo lanciato in contropiede(qui l’arbitro fa bene ad applicare il vantaggio), e ad Alex Sandro che entra due volte di fila su Lulic, entra con violenza ma non colpisce l’avversario. Nel primo tempo fa il suo esordio in Italia il “cooling break”, la pausa rinfrescante concessa dall’arbitro, su richiesta della società laziale, solo in caso di temperature superiori ai 30 gradi e intorno alla mezz’ora di ciascun tempo.

Napoli – Milan Arbitro – Valeri da Roma

Nel pre-partita l’arbitro si rivolge a Sarri dicendogli di cambiare la maglia della tuta nera in rossa perchè si confondeva con i colori della squadra ospite. Dopo il gol di Niang, viene espulso l’allenatore del Napoli per proteste di un presunto fallo di Bonaventura su jorginho ad inizio azione. Giusti i due rossi per il Milan: Kuckca protesta dopo un fallo fischiato su Mertens e manda a quel paese l’arbitro; per Niang invece somma di cartellini. Infine giusto assegnare il gol del 4 a 2 a Callejon perchè il tentativo di Romagnoli di evitare l’autogol si rivela vano, per lui solo giallo.

Inter – Palermo Arbitro – Russo da Nola

Nel secondo tempo Russo fa proseguire su una caduta in area di D’ambrosio, giusta la sua decisione perchè Andelkovic colpisce nettamente il pallone e Alesaami contrasta l’interista senza commettere fallo.

Cagliari -Roma Arbitro – Mazzoleni da Bergamo

Giusta l’assegnazione del rigore per la Roma: Isla è in netto ritardo su El Shaarawy, che viene colpito col piede destro sulla gamba sinistra, manca il giallo al cileno per la pericolosità del fallo. Isla viene ammonito dopo per protesta di un rigore per il Cagliari: il contatto tra Barella e Strootman c’è ma è di poco fuori dall’area di rigore. Annullato il gol di Sau visto dal guardalinee in posizione di fuorigioco.

Fiorentina – Chievo Arbitro – Fabbri da Ravenna

Nel secondo tempo corretta la chiamata di offside di Castro che prova a giocare il pallone rientrando dal campo dopo esserne uscito in corsa.

Crotone – Genoa Arbitro – Rizzoli di Bologna

Regolare il primo gol di Pavoletti : l’attaccante del Genoa non commette fallo su Claiton.

Sassuolo – Pescara Arbitro – Tagliavento da Terni

Gol del Pescara in posizione regolare di Manay sul tiro cross di Nitrita.

Torino – Bologna Arbitro – Rocchi da Firenze

Rigore concesso al Torino per fallo evidente di Pulgar su Belotti. Nel finale trova il gol Belotti :lui e Martinez sono in fuorigioco non punibile sul primo lancio e poi tornano in posizione regolare sul cross decisivo.

Udinese -Empoli Arbitro – Maresca da Napoli

A metà secondo tempo l’arbitro estrae il rosso diretto per la brutta entrata di Laurini  su Perica che ci va con la gamba alta, decisione in linea con il regolamento. Poco prima del secondo gol dell’Udinese l’Empoli protesta un fallo di mani di Fofana in area ma è Bellusci a tirarlo per la maglia.

Sampdoria – Atalanta Arbitro – Doveri  da Roma

Doveri non ha dubbi sul rigore concesso alla Samp, penality provocato da Raimondi che si fa rubare il pallone da Muriel, lo rincorre e poi in area lo tocca con il piede di richiamo. L’Atalanta chiude il primo tempo in dieci per l’espulsione di Carmona, per lui doppia ammonizione, il primo cartellino per fallo su Muriel il secondo per fallo su Linetty. Nella ripresa un tocco di mano del doriano Pavlovic viene giudicato involontario dall’arbitro.

GLI ARBITRI DELLA SECONDA GIORNATA