Nainggolan Terrorista? In Belgio scambiato per un Sospetto

Episodio curioso per Radja Nainggolan, che mentre soggiornava in un hotel ad Anversa, in Belgio, è stato segnalato alla polizia come persona sospetta. I poliziotti arrivati sul posto, lo hanno immediatamente riconosciuto nel centrocampista della Roma e della nazionale belga.

Stando a quanto riposta il sito ad.nl, il giocatore belga di origini tailandesi, ha trovato i poliziotti ad attenderlo nella sua camera dell’Hotel Radisson, chiamati dai vicini che lo hanno segnalato come soggetto sospetto e pericoloso. Nainggolan si era fermato ad Anversa, sua città natale, dopo l’annullamento dell’amichevole tra Belgio e Spagna, per stare con familiari e amici prima del rientro a Roma. Il suo aspetto, tra cresta e tatuaggi, avrebbe convinto poco alcuni ospiti dell’albergo, che avrebbero chiesto l’intervento della polizia presi dal panico. Gli agenti, riconosciuto immediatamente Nainggolan, si sono scusati per quanto successo, posando anche con lui per una foto e l’episodio si è concluso così. Non ci fossero stati i drammatici fatti di Parigi la cosa sarebbe stata anche simpatica da raccontare, è filtrato dall’hotel, invece è il simbolo del terrore che da venerdì sera è ormai diffuso in tutta Europa.

Leggi anche: