Napoli-Milan 3-0, Inzaghi: “Ai miei non posso dire niente”

Il tecnico del Milan Filippo Inzaghi ha parlato a Sky della partita giocata stasera contro il Napoli e persa per tre reti a zero a favore dei partenopei, partendo dall’espulsione di De Sciglio, avvenuta dopo soli 45 secondi dal fischio d’inizio: “Perdere un giocatore dopo neppure un minuto è dura, oggi non posso rimproverare niente ai miei nello spirito che hanno messo in campo. Quando prendi gol molli un po’ e questo dispiace, non meritavamo un passivo tanto pesante. Oggi alla squadra non posso dire niente. A De Sciglio? Gioca in Nazionale, rientrava dopo tanto tempo. Gara condizionata dall’episodio, il giallo sarebbe stato meno eccessivo. Ma quest’anno ne ho viste di tutti i colori”.

Sull’atteggiamento da tenere in campo: “Alla squadra chiedo lo spirito di stasera. Inoltre fino alla fine della stagione c’è anche tempo per inserire qualche giovane, i ragazzi del Settore Giovanile meritano l’esordio”. Destro ha reagito male al cambio: “Aveva dato tanto, con Pazzini volevo essere pericoloso nelle ripartenze”.

I rimpianti di questa stagione? “Questo sarà un anno fondamentale per la mia carriera in panchina. Alla squadra ho fatto rivedere la partita dell’andata che considero perfetta. A gennaio-febbraio ci sono mancati 15 giocatori, ho sbagliato ad abbandonare il 4-3-3. Inoltre tutto è più difficile quando ogni gara è una finale. Anche l’assenza di Montolivo è un rimpianto. Dispiace perché eravamo partiti molto bene, non ci siamo ripresi dal blackout di inizio 2015. Ma di questa stagione terrò tutto con me, è esperienza”.

Leggi anche: