Notizie Inter, Altobelli: "Tornerei per cacciare chi non è all'altezza"

Alessandro Altobelli, rimasto nel cuore dei tifosi come Spillo, torna a parlare dell’Inter e lo fa in un’intervista a 360 gradi dove parla dei nerazzurri e della loro situazione attuale nonché delle prospettive future, analizzando l’operato di Mazzarri, Ausilio, Moratti e Thohir per la causa interista.

In primis, Altobelli valuta la decisione di Moratti di passare la mano ad uno come Erick Thohir: “Moratti ha scelto una persona che ha deciso di prendersi cura di una squadra da rifondare che è arrivata nona e senza che partecipasse alle coppe Europee e se in aggiunta metti che praticamente da un anno e mezzo non fa una buona campagna acquisti capisci benissimo che Moratti, secondo me, si è liberato di un peso. Ora Thohir ha una grande responsabilità e comunque per adesso sta facendo le cose per bene”.

L’Inter è ancora lontana, organico alla mano, dalle prime tre dell’attuale campionato. Ma cosa manca per colmare il gap? “Guarda ti rispondo così: prova a fare un confronto con le rose di Juventus, Roma, Napoli e anche Fiorentina ed i loro progetti e hai la risposta. L’Inter oggi è un cantiere aperto che, oltre a tutti i problemi, deve anche sostituire campioni e giocatori d’esperienza che smetteranno con il calcio. Altro problema: deve avere il coraggio di mandare via i giocatori mediocri.”

Mazzarri dovrebbe essere, salvo clamorosi colpi di scena, l’allenatore dell’Inter 2014-2015, ma Spillo non sembra pienamente convintoGuarda, ad oggi Mazzarri credo abbia fatto meno punti di Stramaccioni e sinceramente mi aspettavo qualcosa di più. Ma considerando il fatto che i nerazzurri quest’anno non sono stati fortunati neanche con gli arbitri e che il passaggio di proprietà è comunque un macigno io lo confermerei almeno un altro anno”.

Un nome sempre al centro di critiche è quello di Piero Ausilio, attuale direttore sportivo. Cosa ne pensa Altobelli? Io conosco Ausilio da quando era segretario del settore giovanile dell’Inter. Poi è diventato vice di Branca quando è andato via Oriali. Ha presentato tutti i nuovi acquisti insieme a Marco Branca sposandone le scelte. Di conseguenza anche lui ha avuto delle colpe pur essendo bravo a comprare i giocatori. Io credo però, che all’Inter serva più che un compratore di uomini, un gran dirigente che riesca ad assemblare una vera squadra, con personalità e che si sappia fare rispettare dai giocatori”.

Infine, una proposta indecente: come accoglierebbe Altobelli un’eventuale proposta per tornare all’Inter da dirigenteMoratti in 18 anni ha messo da parte tutti gli ex giocatori che non hanno giocato con i Moratti. A me piacerebbe tornare all’Inter e comandare solo per un giorno per poter cacciare tutte le persone non all’altezza di lavorare in una grande società come l’Inter. Io non ce l’ho con nessuno in particolare, sono solo un tifoso che ancora oggi porta in giro il nerazzurro nel mondo senza interessi non come fanno altre persone che ruffianano e basta”.

Leggi anche–> Altobelli: “Mazzarri non adatto all’Inter”

Leggi anche–> Altobelli su Thohir: “E’ troppo lontano, non va bene”