Notizie Inter, contro l’Udinese è una disfatta: Mancini a caccia di soluzioni

Inter-Udinese finisce 1-2 per i friulani e la disfatta nerazzurra può dirsi completa. Se fino ad oggi Mancini non era criticabile per i risultati (un punto nel derby, una vittoria in Europa league e una sconfitta a Roma, dove si può eccepire che poche squadre usciranno con dei punti dell’Olimpico), la sconfitta con l’Udinese dà modo ai critici di sfogare il loro pessimismo sulla scelta dell’esonero di Mazzarri.

L’Udinese, infatti, a differenza delle altre rivali, dopo una partenza sprint, ha nell’ultimo periodo interrotto bruscamente la sua marcia e nelle passate domeniche ha raccolto pochissimi punti. Tutto faceva presagire ad una vittoria dell’Inter che riportasse i nerazzurri nella parte sinistra della classifica.

Invece ieri sera a San Siro abbiamo visto un buon primo tempo dell’Inter, e una ripresa in cui l’Udinese, su un campo pesante, sembrava il Bayern di Guardiola, con un’Inter in totale panico. Emblematici della confusione tattica della squadra di Mancini sono due contropiedi portati sul punteggio di 1-0 dove le punte si calpestano i piedi e dove Icardi é sempre fuori posizione.

Si é capito insomma che Mancini non ha la bacchetta magica e che il ringiovanimento della rosa se da un lato ha portato forze cresce e ridotto il monte ingaggi, dall’altro, ha privato l’Inter di quel carattere che uomini come Zanetti, Cambiasso e Samuel fornivano a tonnellate. Chissà cosa starà pensando Walter Mazzarri.