Notizie Inter, Mazzarri: "Sono partito da zero, arrivare all'Inter è un sogno"

Nel corso della lunga intervista apparsa nell’edizione odierna del Corriere della Sera, Mazzarri ha fatto un passo indietro tornando ai tempi di quando allenava l’Acireale in C2, per ribadire come il duro lavoro, l’impegno, la dedizione e la serietà alla lunga pagano e lui ne è la dimostrazione. “Se uno parte da zero o da sottozero e arriva all’Inter, dopo aver fatto tutte le categorie in 12 anni di carriera” allora partire dal basso è un vantaggio. “Posso dire di avere un bagaglio di esperienze che pochi hanno e che mi è servito quando sono arrivato in alto. Detto senza che nessuno si offenda. Ho cominciato da preparatore anche dei portieri e conosco anche le logiche dei magazzinieri; so come vivono o come parlano con i giocatori”.

Mazzarri oggi allena l’Inter, un club prestigioso dalla storia gloriosa, ma prima di arrivare in Serie A non ha fatto soltanto il tecnico. Ha cominciato come osservatore, diventando successivamente preparatore dei portieri, preparatore atletico, viceallenatore e, quindi, allenatore, dapprima della Primavera poi l’approdo nella squadra siciliana dell’Acireale che all’epoca giocava in C2. Questa panchina rappresentò di certo la sua grande occasione e per questo in diverse occasioni Mazzarri non smette di ringraziare Pulvirenti, oggi presidente del Catania, che all’epoca lo scelse come allenatore.

Mazzarri Inter

 L’allenatore toscano oggi è alla guida dell’Inter, che per lui rappresenta la realizzazione di un sogno, ma fare il tecnico nerazzurro non è solo questo, bensì la chiara dimostrazione che come disse qualche mese fa lo stesso Mazzarri “passo dopo passo, sudandomi tutto” si può arrivare lontano, e ambire a grandi traguardi, senza l’aiuto di nessuno. È questo un messaggio importante che bisognerebbe che i giovani oggi facessero loro.

Leggi anche -> De Laurentiis attacca Mazzarri: “Non sapeva gestire lo spogliatoio”

Leggi anche -> Mazzarri: “La squadra ha risentito delle vicende societarie”