Notizie Inter, Milito: "Palacio attaccante più forte con cui ho giocato"

Nella bella e lunga intervista ai microfoni di InterNOS, Milito ha parlato anche dell’Inter e della stagione che fino ad ora la squadra sta disputando, dicendosi orgoglioso e soddisfatto per quanto visto finora: “Credo stia facendo un ottimo campionato, al di là degli ultimi risultati, ma credo sia normale, la nostra è una squadra in costruzione, con un allenatore nuovo e con tanti giovani che bisogna far crescere. Credo ci sia ampio margine di miglioramento perché i nostri giovani hanno molto futuro davanti a sè, ma devono fare esperienza”.

A proposito di esperienza, il Principe è arrivato tardi ad altissimi livelli, ma nonostante ciò ha avuto una piena consacrazione l’anno del Triplete quando l’Inter grazie ai suoi tantissimi e importantissimi goal conquistò tutto in Europa e in Italia. Ma Diego non rimpiange nulla del suo passato, perché è proprio quel percorso che l’ha portato a diventare il calciatore e l’uomo che è oggi: “Non mi pento di nulla. Ricordo che ci fu una possibilità di andare all’Inter prima di approdare al Real Saragozza, i nerazzurri di allora era una grandissima squadra e magari avrei avuto meno spazio, quindi non mi pento della scelta che presi”.

diego milito inter

Durante la puntata di InterNOS, vengono mostrate al Principe alcune belle immagini dei suoi anni all’Inter, a partire dal suo arrivo a Milano e, un emozionato Milito, racconta: “Faceva un caldo incredibile. È stato bello, credo sia il sogno di tutti i calciatori arrivare in una squadra così. Io a 30 anni all’Inter? Ovviamente uno vuole arrivarci più giovane, ma è il sogno di ogni calciatore quello di essere in una grande squadra e lottare per grandi traguardi e io l’ho realizzato così. Devi essere anche preparato mentalmente. Come ho detto, per me è un orgoglio giocare nell’Inter”.

Tanti i calciatori con i quali l’argentino ha giocato nella sua lunga carriera, ma se dovesse oggi fare un nome sul migliore attaccante con cui ha avuto la fortuna di giocare, Diego non ha dubbi: “In questo momento dico Rodrigo (Palacio) e mi spiace che, per ora, non abbiamo potuto giocare tanto insieme. Nel nostro attacco siamo tutti diversi, ognuno ha le sue caratteristiche […] Da parte mia cerco sempre di adattarmi al mio compagno di reparto, è una delle mie caratteristiche e cerco di mettere sempre a proprio agio il partner”.

Leggi anche -> Inter-Milan, Milito: “Il derby più bello quello in cui vincemmo 4-0”

Leggi anche -> Inter-Milan, Milito: “Voglio tornare per aiutare i miei compagni”

Leggi anche -> Notizie Inter, Milito: “Non bisogna avere l’ossessione di diventare forti”