Notizie Inter, Suarez su Thohir: "Bisogna dargli tempo"

I microfoni di radio Manà, durante la trasmissione “Tribuna stampa”, hanno dato voce a una degli idoli che i tifosi interisti più attempati (e non solo) ricordano con un po’ di nostalgia: Luis Suarez. Come scordare i suoi lanci “chilometrici” (anche di 50 metri) compiuti con una precisione millimetrica, utili ad innescare il contropiede della squadra nerazzurra?

Suarez, interrogato sulle attuali vicende accadute al club meneghino, commenta così lo scambio (annullato) Vucinic-Guarin “Per il momento lo scambio avrebbe favorito entrambe le squadre, ma il prospettiva l’affare l’avrebbe fatto la Juve perché il colombiano è più giovane dell’attaccante. E se Pogba dovesse partire, i bianconeri si ritroverebbero con una grossa cifra da spendere e un Guarin in più a centrocampo”.

thohir

Insomma, Suarez ha fatto la stessa analisi che molto probabilmente hanno fatto anche tutti i tifosi della Curva Nord che 3 giorni fa, sotto la sede, criticavano un’analisi di mercato poco soddisfacente con dei cori contro Fassone. L’intervista continua con una piccola parentesi su Mazzarri e sulla crisi che sta passando l’Inter su cui dice: Mazzarri è l’allenatore ideale per riportare in alto la società, ma gli manca materiale umano idoneo per fare bene. La posizione in classifica del club nerazzurro rispecchia esattamente il suo valore. Scudetto e Champions sono ormai persi, ma si può ancora sperare nell’ Europa League”.

Ma il discorso ritorna inevitabilmente sulla dirigenza, su cui l’ex regista nerazzurro si esprime così “La dirigenza deve capire cosa bisogna fare per migliorare e tornare il prossimo anno più competitivi. In situazioni come queste non c’è mai un unico colpevole, non funzionano diverse componenti. Oriali ha sempre fatto il suo lavoro in maniera perfetta. E’ stata decisiva la mancanza di mezzi economici e pian piano la squadra è andata giù”.

L’intervista si sposta, a questo punto, sul neo-presidente indonesiano e Suarez spende solo parole caritatevoli, dicendo “Lui non c’entra niente, anzi ha il merito di aver salvato l’Inter prendendo la squadra a metà novembre. Bisogna dargli tempo”. L’’intervista si conclude con una domanda sulla Juventus e su gli eventuali “favori” che l’accompagnano nel corso del campionato e sull’allenatore della squadra che la “bracca” instancabilmente a cui risponde così Juve favorita dagli arbitri? La formazione di Conte è fortissima, non ha bisogno di aiuti. Garcia? Il francese ci sta mettendo del suo, è veramente bravo, ma a differenza del tecnico interista ha a disposizione una rosa di grande qualità”.

Tirando le somme, l’analisi di Suarez rispecchia impeccabilmente quello che (quasi) tutti i tifosi pensano, ma a questo punto c’è una domanda che sorge spontanea; avremo mai il piacere di rivedere Lele Oriali al posto che si spetta e vedere finalmente andare via “Le mele marce (così definite dalla Curva Nord)?

Leggi anche -> Notizie Inter, Zanetti: “Mi sento ancora giovane, vorrei rimanere qui per sempre”

Leggi anche -> Cessioni Inter: Su Guarin c’è il Galatasaray?