Notizie Milan, Honda: “Sono entusiasta, voglio solo vincere”

Nella giornata di oggi si è tenuta, alle ore 12.00 presso la sala Executive dello stadio San Siro di Milano, la conferenza stampa di presentazione di Keisuke Honda, ultimo acquisto del Milan. A prendere parte all’evento ben 110 giornalisti di cui 50 provenienti dal Giappone, paese natio del centrocampista.

 

 

 

 

 

Presente, oltre al giocatore nipponico, l’amministratore delegato rossonero Adriano Galliani che ha aperto la conferenza facendo gli onori di casa, dando il suo benvenuto a tutte le persone e i giornalisti giunti a Milano per l’occasione e presentando il nuovo acquisto rossonero. Vorrei dare un affettuoso benvenuto, sono più di 80 le persone giunte dal Giappone. Honda sarà il primo giapponese a vestire la maglia del Milan e avrà un numero importante, da Palloni d’Oro come Rivera e Gullit e da campioni come Boban, Savicevic, Rui Costa, Seedorf e Boateng. Quando Kevin Prince ha lasciato il Milan, abbiamo lasciato volentieri il numero 10 a lui”.

La parola passa poi al protagonista Keisuke Honda che ha risposto con serenità a tutte le domande postegli dai giornalisti. Parla prima di tutto dei primi giorni a Milano, del suo stato d’animo: “Questi primi giorni sono stati fantastici, sono entusiasta e felice. Sapevo che un giorno il mio sogno si sarebbe realizzato: quando avevo 12 anni scrissi in un tema che avrei voluto giocare in Serie A e con la maglia numero 10 del Milan. Vorrei ringraziare Adriano Galliani, Umberto Gandini e mio fratello”.

Prosegue parlando del Milan e dei suoi propositi: Volevo venire qui e diventare campione al Milan. Conosco bene i giocatori del Milan perché ogni settimana vedevo le partite, la Serie A è il campionato più famoso in Giappone. Capisco che vi aspettate molto da me e so che devo dimostrare le mie capacità, dovrò fare del mio meglio per cercare di fare cose speciali per il Milan”.

Soddisfatto anche della squadre e dei compagni, il giapponese ritiene possibile il raggiungimento di traguardi importanti in questa stagione: La squadra non è in cattive condizioni, sono molto bravi e io potrò dare un buon contributo giocando con loro. Possiamo ancora migliorare tanto”.

E se gli viene chiesto quali cose sono importanti per lui, Honda non ha dubbi: Per me il calcio è fondamentale. Voglio solo vincere e vivere da professionista. Questo è importante nella mia vita e so che il Club mi aiuterà moltissimo”.

Si definisce un uomo combattivo, determinato, forte e disciplinato, un uomo che ama migliorarsi e dare il meglio di se e questo è ciò che cercherà di fare anche al Milan. Per quel che riguarda il suo ruolo in campo, Keisuke Honda è capace di ricoprire diversi ruoli e a questo proposito il numero 10 rossonero ha le idee chiare: “Posso giocare in qualsiasi posizione, ma preferisco da trequartista”, tuttavia chiarisce: Il mio ruolo è all’attacco ma devo seguire le istruzioni dell’allenatore nei 90 minuti”.

Parlando invece della Nazionale e del Ct Zaccheroni dice: “Contro l’Italia perdemmo in Confederations ed è proprio per questo spero di giocare contro l’Italia ai Mondiali e vincere. Zaccheroni mi ha consigliato di venire qui, di impegnarmi perché sono arrivato in un top Club”. 

Quindi parla di quella che sarà la sua nuova città, Milano, e delle impressioni che ha avuto“Mi pare molto bella, diversa dal Giappone. Sono andato in ottimi ristoranti e mi è piaciuto tutto. Vorrei visitarla meglio e vorrei provare alcuni ristoranti, se ne conoscete alcuni consigliatemeli!”

Conclude parlando dei suoi desideri per i futuroPenso che Kakà e Balotelli siano dei numeri uno al mondo. Sono contento di giocare con loro, voglio lottare e imparare da loro. Se giocheremo bene, potremo vincere lo Scudetto nei prossimi anni e diventare campioni insieme”.

Leggi anche-> Notizie Milan, le prime parole di Honda in rossonero

Leggi anche-> Ottavi Tim Cup, Milan-Spezia: spezzini divisi nel tifo