Nuovo Allenatore Milan: Inzaghi o Tassotti per la DS

Con l’esonero di Allegri ormai alle porte ecco che impazzano i nomi su chi potrebbe essere il nuovo allenatore del Milan e, secondo la Domenica Sportiva, i principali candidati sarebbero Filippo Inzaghi e Mauro Tassotti. Fatale per il tecnico toscano la pesante sconfitta subita in casa del Sassuolo non digerita né da Barbara Berlusconi né dall’ambiente rossonero in generale che quindi nelle prossime ore sarà chiamato a decidere se continuare o meno con l’attuale tecnico.

Quelli di Mauro TassottiFilippo Inzaghi potrebbero essere i nomi dei successori ideali e da non sottovalutare, visto che entrambi conoscono bene l’ambiente rossonero e non porterebbero alla società nessun costo aggiuntivo.  Mauro Tassotti, ormai dal 2001 vice-allenatore rossonero, conosce bene ogni aspetto della squadra e quindi potrebbe rivelarsi un asso nella manica e un buon traghettatore in attesa che arrivi giugno. Tra l’altro nelle poche occasioni che ha avuto di allenare il Milan Tassotti ha collezionato dei buoni risultati. Come nel caso della Tournée estiva del 2009 quando, dopo l’addio di Leonardo e in attesa dell’arrivo di Allegri, ha ottenuto due vittorie in altrettanti match.

Mauro Tassotti

Inzaghi, nonostante abbia iniziato da poco la sua carriera da allenatore, visti i brillanti risultati ottenuti con la Primavera, l’ultimo proprio questo pomeriggio nel derby contro l’Inter, e visti anche i rapporti con il Presidente e la società non è un’ipotesi da scartare. Inoltre in Prima squadra ritroverebbe anche alcuni dei suoi compagni e questo potrebbe essere un altro punto a suo favore. Il suo nome risulta sicuramente quello più suggestivo, ma c’è da chiedersi se questo salto non danneggi la Primavera oltre che lo stesso Inzaghi.

Restano comunque delle ipotesi che potranno essere confermate o smentite solo nelle prossime ore e, soprattutto, solo a seguito della decisione affatto certa di esonerare Allegri.

Leggi anche-> Esonero Allegri? Barbara Berlusconi “Occorre cambiare”

Leggi anche-> Sassuolo-Milan 4-3: le parole di Allegri

Leggi anche-> L’eroe del Mapei Stadium: conosciamo Berardi