Nuovo Allenatore Milan: Ritorno di Ancelotti trovata elettorale?

Con una sterzata improvvisa il Milan e Sinisa Mihajlovic dovrebbero convolare a giuste nozze: entro la giornata odierna, o al massimo entro venerdì, il tecnico serbo diventerà ufficialmente il nuovo tecnico rossonero. Dalla trattativa lampo emergono però  inquietanti perplessità sull’affare Ancelotti che appena 24 ore prima del summit tenutosi ieri ad Arcore aveva rifiutato le avance di Galliani e la panchina del Milan. Sorge spontanea una domanda: il tentativo di riportare l’ex Real Madrid al Milan è stato reale o una mera trovata elettorale del presidente Berlusconi?

Il popolo rossonero, unito in coro, è convinto che una trattativa effettiva di riprendere Ancelotti per la rinascita del Milan non ci sia mai stata. L’impressione è che si sia trattato di un teatrino, peraltro di pessimo gusto, di recuperare qualche voto dell’ultim’ora. Il noto giornalista Fabio Ravezzani poi non le manda certo a dire: “La squallida sceneggiata del ‘no’ di Ancelotti al Milan subito dopo le elezioni dà la misura del degrado presidenziale e stampa di regime. Amare il Milan significa anzitutto rispettare i suoi tifosi. Sempre”. Sognare qualcosa di migliore è facile, ma infierire su ferite aperte nel cuore dei tifosi è tutt’altra storia.

Leggi anche: