In casa Milan è tornato d’attualità il tema del nuovo stadio, che potrebbe essere uno dei punti cardine del progetto cinese. Berlusconi però frena gli entusiasmi ai microfoni di Mi-Tomorrow.

Il presidente è convinto infatti che lo stadio di proprietà sia una necessità per gli attuali club mondiali, ma al momento non sembra fattibile: “Lo stadio di proprietà è il futuro del calcio. Ma al momento a Milano non vedo le condizioni per lasciare San Siro”.

San Siro continuerà quindi ad essere la “casa” rossonera ancora per altri anni (almeno 3/4 secondo noi). È notizia di oggi che i cinesi avrebbero pronti 400 milioni di euro per i lavori di rifacimento dell’attuale stadio, con un investimento che potrebbe essere addirittura maggiore in caso di progetto ex-novo.

I tifosi sperano, naturalmente, nella seconda opzione, visto il deludente epilogo della “vicenda Portello”. Uno stadio di proprietà vorrebbe dire maggiori introiti per la società, sia a livello di tagliandi che di merchandising. Sarebbe il primo passo per ritornare grandi!

LEGGI ANCHE:

Calciomercato Milan, Acquisto di Aleix Vidal in dubbio?

Cessione Milan, De Grandis: “Non può decidere Berlusconi”