Pagelle Milan-Lazio 3-1: El Shaarawy migliore in campo

Comincia nel migliore dei modi l’avventura del Milan e di Filippo Inzaghi sulla panchina rossonera. Sotto lo sguardo attento del presidente Berlusconi il Diavolo si impone per 3-1 sulla Lazio, portando a casa i 3 punti nella prima giornata di Serie A, successo che mancava all’esordio da ben tre stagioni. Ottimo impatto sulla partita da parte dei nuovi acquisti Diego Lopez, Menez e Alex, quest’ultimo sfortunato protagonista di un autogol. Molto bene anche Keisuke Honda, mentre la palma del migliore in campo va ad El Shaarawy, autore di una prestazione superlativa.

Diego Lopez 7: E’ incolpevole sul gol, perché messo fuori tempo dalla deviazione di Alex. Regala due parate decisive nel finale della partita, respingendo in tuffo il rigore  di Candreva.

Abate 5: Contiene bene uno spento Keita e regala l’assist per il 2-0 a Muntari, grazie ad un’ottima percussione sulla sua fascia. Sbaglia però molti appoggi e regala con un fallo ingenuo il rigore alla Lazio.

Zapata 7: Conferma le buone sensazioni che erano emerse durante il Mondiale. Molto bravo in copertura, commette pochissimi errori e concede una prestazione praticamente senza sbavature.

Alex 6,5: Il nuovo difensore centrale del Milan, acquistato a parametro zero dal Psg, non delude le aspettative nella prima uscita a San Siro. E’ una presenza a dir poco rassicurante nell’area rossonera, intercetta quasi tutti i palloni di testa, stravincendo i contrasti aerei con gli avversari. Si addormenta un pò nella sfortunata occasione dell’ autogol.

Bonera 6,5: L’inizio del capitano non è dei migliori, soffre subito l’intraprendenza di Candreva, ma nel secondo tempo si rende protagonista di un paio di chiusure provvidenziali sugli avversari.

De Jong 6,5 : In fase di impostazione è il giocatore più tranquillo dei tre centrocampisti del Milan. Lavora moltissimo d’esperienza, morde le caviglie degli avversari e strappa, come al solito, tanti palloni. In ritardo di preparazione rispetto ai compagni, cala un po’ nel secondo tempo.

Poli 5,5: Corre tantissimo a perdifiato per tutto il campo. Si sacrifica e combatte, ma spesso manca di lucidità nei passaggi e negli ultimi metri. Appena sotto la sufficienza.

Muntari 6,5: Ottima prova del ghanese, che non è un fulmine di guerra, e si vede, ma riesce a mantenere sempre la lucidità nei momenti decisivi. Perfetta la sua scelta di tempo per il 2-0 (dal 56′ Essien 6: riesce nell’ultima parte della gara ad essere prezioso soprattutto in fase di copertura).

Honda 7: Una delle sorprese più belle di questa prima uscita del Milan. Lotta, dribbla e segna. Il “Samurai” sembra essere rinato (dal 76′ Armero 6: qualche sgroppata delle sue sul finale. Non incide più di tanto sulla partita).

Menez 7: Pur non giocando nella sua posizione ideale interpreta il ruolo alla perfezione. Non dà punti di riferimento e duetta benissimo con El Shaarawy. Si procura e realizza il rigore del momentaneo 3a0 (dal 81′ Niang 6: un tiro in porta su un pallone delizioso offertogli da El Shaarawy. Con  qualche accelerazione delle sue tiene in apprensione la difesa biancoceleste).

El Shaarawy 7,5 : Il Faraone è tornato. Il suo assist d’esterno, dopo una micidiale fuga sulla destra, è delizioso e decisivo per il gol di Honda. Impreziosisce la sua prestazione con ottime giocate, saltando spesso l’avversario. Sulla sua fascia crea spesso il panico tra gli avversari con le sue accelerazioni. San Siro a fine partita impazzisce per lui.

Leggi anche: