PALERMO-MILAN (SERIE A 2016/17)- Andiamo a vedere le parole di De Zerbi in conferenza stampa sulla partita in programma domani alle ore 15:00 allo stadio Barbera di Palermo.

Dopo la sconfitta di Cagliari, la squadra deve gettare il cuore oltre l’ostacolo per la sfida contro i rossoneri. De Zerbi, sente la fiducia di Zamparini e della società, nonostante le quattro sconfitte consecutive.

Sulla fiducia trasmessa dalla società: “Mi fa piacere la fiducia di Zamparini, ma sono concentrato su quello che devo fare. Ci sono critiche e allusioni, ma non voglio fare il professore. Non mi soffermo sul rischio esonero, ma solo su quel che posso fare. Lavoro ventiquattro ore al giorno per adattarmi ai calciatori che ho”.

Il tecnico spinge per un Barbera gremito: “In tanti anni di calcio ho vissuto situazioni più o meno belle. Questa non è esaltante ma bisogna cercare di portare la gente dalla nostra parte, accettando anche i fischi. Il pubblico comunque ci è sempre stato vicino”.

Sfida speciale per De Zerbi che ha vissuto il Milan da giovanissimo:“Come contro il Napoli, ci sarà emozione da parte mia. Quel che voglio però è cercare di fare meglio. Mi pesa non aver fatto punti qui a Palermo, devo scegliere l’undici migliore sul piano mentale e atletico. Ho lasciato casa a 15 anni per andare a Milanello, ero bambino. Era dura, sacrifici grossi. Il Milan è una squadra con individualità importanti, anche se non come Juventus e Roma, ma giocano di più e stimo Montella”.