Dietro la decisione di Cristian Brocchi relativa all’abbandono della panchina del Milan sembra esserci più di una semplice volontà di farsi da parte. Che in questo momento il club rossonero attraversi una fase di incertezza è cosa nota, ma Brocchi sembra che abbia scelto di lasciare Milanello indipendentemente da questa situazione.

Stando a quanto si legge sul Quotidiano Sportivo di oggi, pare che il tecnico sia arrivato alla conclusione di andare via a causa di un atteggiamento quasi di mobbing da parte di Adriano Galliani. I due avevano già iniziato a pianificare la prossima stagione arrivando anche a calendarizzare visite mediche e ritiro – in cui inizio è previsto attualmente per il 7 luglio – ma pare che, dopo ogni incontro tra l’allenatore e l’a.d. , quest’ultimo richiedesse una consulenza telefonica a Marco Giampaolo.

Il nome dell’ex mister dell’Empoli è accostato alla panchina rossonera ormai da più di un mese e secondo molti sarà lui a guidare la squadra nel prossimo campionato. Resta il fatto che questo modus operandi di Galliani ha infastidito Brocchi e non poco. Trattandosi di una circostanza reiterata, l’allenatore si sarebbe sentito preso in giro e per questo motivo,nonostante la stima da parte del presidente Berlusconi, avrebbe deciso di lasciare il posto a qualcun altro.

LEGGI ANCHE: