Penalizzazione Sassuolo, Comunicato Pescara su vittoria a tavolino

Il Pescara è intervenuto con un comunicato sulla penalizzazione del Sassuolo con conseguente vittoria a tavolino degli abruzzesi.

Appresa la decisione del Giudice Sportivo relativa al match Sassuolo-Pescara disputatosi domenica e alle conseguenti penalizzazione dei neroverdi e vittoria a tavolino degli abruzzesi, il Pescara ha, tramite comunicato, chiarito la propria posizione.

La vittoria a tavolino del Pescara deriva da una irregolarità commessa dal Sassuolo e sanzionata, giustamente, dal Giudice Sportivo: mister Di Francesco infatti, in occasione del match del Mapei Satdium valevole per la seconda giornata di Serie A, ha schierato un giocatore, Ragusa, non presente nella lista dei 25 consegnata alla Lega. Il centrocampista non avrebbe dovuto metter piede in campo e, verificata tale irregolarità, il Giudice Sportivo ha ribaltato il risultato della partita attribuendo al Pescara la vittoria a tavolino.

Nel comunicato la società abruzzese ha tenuto a precisare che l’obiettivo primario del Pescara è quello di ottenere le proprie vittorie sul campo, tuttavia, dal momento che esiste un regolamento e che questo è stato violato, reputa necessaria e giusta la decisione presa dal Giudice Sportivo.

SASSUOLO-PESCARA 0-3 A TAVOLINO: IL COMUNICATO UFFICIALE DEGLI ABRUZZESI

“La Delfino Pescara 1936 S.p.a. vuole vincere sul campo le proprie partite e, con questo principio, abbiamo raggiunto i nostri obiettivi ed i nostri traguardi sportivi. Ciò premesso, siamo, però, a ricordare che le regole fanno parte del giuoco ed il loro rispetto è sinonimo di attenzione per gli avversari e per l’intero mondo del calcio. Il Giudice Sportivo, all’esito delle verifiche effettuate, ha accertato che il Calciatore Antonino Ragusa non era stato inserito dall’U.S. Sassuolo Calcio S.r.l. nell’elenco dei 25 calciatori e non aveva, pertanto, titolo per prendere parte alla partita. La perdita dell’incontro a tavolino è la necessaria conseguenza di tale irregolarità”.

Leggi anche: