Perché Conte ha lasciato la Juventus? Voleva Cuadrado

Ha del clamoroso l’ultima indiscrezione che riguarda i motivi alla base dell’addio alla Juventus di Antonio Conte, tecnico che è stato capace di vincere ben tre scudetti consecutivi con i bianconeri. Secondo quanto riportato da Tuttosport, il tecnico leccese ha deciso di lasciare la Juventus nella scorsa estate 2014 per via di motivazioni cambiate rispetto al campionato precedente, ma soprattutto a causa di motivi di mercato che avrebbero portato ad una pesante spaccatura con la dirigenza piemontese.

In particolare, sembra che la rottura si sia materializzata già sul finire dello scorso campionato. Tant’è, sempre secondo il noto quotidiano, che la Juventus avrebbe iniziato agli albori dell’estate ad avere contatti con Vincenzo Montella che alla fine declinò. Il motivo base della rottura con Conte sembra sia stato il caso-Cuadrado: l’allenatore pugliese infatti per questa stagione avrebbe preferito puntare sulla Champions League e perciò avrebbe chiesto il colombiano, stregato in particolar modo durante la doppia sfida ai quarti di Europa League della scorsa stagione.

L’operazione era irrealizzabile per motivi economici e così una volta spiegata a Conte la verità, il tecnico non ci ha pensato su due volte e ha deciso di lasciare, anche perché scarico di motivazioni in un campionato che, come prevedibile, non avrebbe avuto difficoltà a portare a casa per la quarta volta di fila.

Leggi anche: