Primavera Milan, Fabbro: "Lotteremo per raggiungere la Final Eight"

Dopo la vittoria contro l’Hellas Verona, la Primavera del Milan affronterà questa settimana in trasferta l’Udinese. L’obiettivo per i rossoneri è raggiungere il secondo posto, attualmente ricoperto dall’Atalanta, per poter poi accedere alla Final Eight e per questo sabato sarà opportuno portare a casa la vittoria. Di questo avviso è uno dei protagonisti del Milan Primavera Michael Fabbro che, ai microfoni di Milan Channel, parla dell’attuale situazione della squadra e degli obiettivi rossoneri.

“Tutte le squadre adesso sono delle buone squadre, soprattutto nelle partite dei play off in cui contro il Milan danno il massimo”, questo il pensiero di Fabbro su Udinese e Atalanta, prossime avversarie dei rossoneri in campionato. Il Milan, però, a prescindere dall’avversario che si troverà di fronte dovrà lottare per vincere perché ciò che conta in questo momento è raggiungere “il secondo posto, fondamentale per l’accesso alle Final Eight”.

Torna quindi a parlare delle prossime partite del Milan, fondamentali perché sono le ultime due e un errore a questo punto del campionato potrebbe essere fatale: Non possiamo sbagliare, dobbiamo  vincerle entrambe”. Quindi a proposito di Udinese e Atalanta aggiunge: “Contro l’Udinese sarà difficile: è una squadra ostica soprattutto in casa e farà di tutto per entrare ai play off; mentre la partita contro l’Atalanta sarà quella più importante e dobbiamo prepararci bene”.

Infine conclude parlando di Stephan El Shaarawy che, per via dell’infortunio al piede, prima di tornare con la prima squadra ha giocato qualche minuto contro l’Hellas Verona e quest’oggi si è allenato con i ragazzi della Primavera: “È un grande calciatore, si vede che ha qualcosa in più degli altri. Per me è un onore allenarmi con lui. Cerco di apprendere il più possibile da lui”.

Leggi anche-> El Shaarawy: “Voglio l’Europa col Milan e il Mondiale”

Leggi anche-> Milan 2014/15: si lavora al nuovo logo

Leggi anche-> Leonardo parla di Milan. Inter e Psg: “Non mi pento di nulla”