Qualificazioni Mondiali 2018, Argentina obbligata alla vittoria

L’Albiceleste rischia una clamorosa non qualificazione al Mondiale di Russia

L’Argentina, nella partita che si disputerà nella mitica Bombonera, contro l’ostico Perù, sfida valida per le qualificazioni al Mondiale di Russia del 2018, ha un solo risultato a disposizione: la vittoria.

Il mancato ottenimento del massimo risultato in questa che è la penultima partita del girone, potrebbe significare una clamorosa, quanto inaspettata non qualificazione. Per centrare questa vittoria, probabilmente deluso dai suoi uomini più rappresentativi il ct Sampaoli medita di cambiarne diversi interpreti, almeno queste sono le voci che circolano dall’ambiente.

Ad essere relegati al ruolo di riserve dovrebbero Mauro Icardi e Paulo Dybala, che molto probabilmente cederanno gli onori e gli oneri della titolarità al Papu Gomez, che dovrebbe giocare come esterno alto di destra sulla stessa linea di Lionel Messi e Dario di Di Maria e al centravanti del Boca Juniors (invocatissimo dai tifosi) Dario Benedetto.

Oltre a questi i cambi potrebbero essere anche altri, per prima cosa, verrà abbandonata la difesa a 3 e con il rientro di Mascherano, questo molto probabilmente significherà l’esclusione dai titolari del romanista Fazio.

Due ballottaggi riguardano anche il centrocampo, il primo è quello tra Biglia e Paredes, mentre il secondo quello tra Benega e Gago. Dal cambio di modulo al cambio di interpreti, l’Argentina le tenterà tutte per non incorrere in una clamorosa non qualificazione al Mondiale di Russia.