Ricordo Gabriele Sandri, Tifoso Lazio ucciso nel 2007: Striscioni Ultras (Foto)

VOTA QUESTA NOTIZIA

Sono ormai passati otto anni, ma la figura di Gabriele Sandri rimane impressa nella mente degli ultras di tutta Italia. E così oggi 11 novembre in diverse parti d’Italia sono usciti striscioni per ricordare il tifoso della Lazio ucciso nel 2007 prima della gara contro l’Inter. Il giovane Gabriele Sandri di 26 anni fu colpito da un colpo di pistola nei pressi dell’area di sosta di Badia al Pino est dall’agente della Polstrada Luigi Spaccarotella che è stato poi condannato a una pena di nove anni e 4 mesi di reclusione per omicidio volontario.

RICORDO GABRIELE SANDRI: IL PADRE: “IL DOLORE NON PASSERA’ MAI”

Oltre agli ultras, il ricordo di Gabriele Sandri è stato perpetrato anche dal padre Giorgio che ai microfoni di “La Lazio siamo noi” ha detto: “Otto anni dopo quel maledetto 11 novembre, il vuoto, la ferita, il dolore, la rabbia, non sono passati e non passeranno mai. Anzi. Grazie al popolo di Roma, il popolo di Gabriele, il ricordo di mio figlio Gabbo è sempre vivo”. Poi passando sull’attualità del tifo ha aggiunto: “Io credo che il tifoso ormai venga considerato poco o niente. Non si vuole più il tifo allo stadio ma sui divani di casa, si fa tutto per cercare di allontanare la gente dagli stadi perché porta problemi, porta spese riguardanti sicurezza. Io credo che così si uccida la passione del tifo, la passione per la propria squadra”.

RICORDO GABRIELE SANDRI: LE FOTO DEGLI ULTRAS

ultras-salernitana-gabbo ultras-reggina-ricordo-gabbo ultras-lecce-sandri-vive ultras-jesi-striscione-sandri ultras-fiorentina-sandri-ricordo

(foto tratta da Different People Ultras Style)

Leggi anche: