Robinho al Santos: la minaccia di rinnovo fa tornare i brasiliani?

Il Milan sta iniziando a lavorare sul serio e vuole puntare su una serie di elementi che possano aiutare al raggiungimento di obbiettivi importanti per la prossima stagione, a partire dall’ostico preliminare del prossimo mese che potrebbe consentire ai rossoneri di accedere alla fase a gironi di Champions League.

Uno degli elementi più discussi in queste ultime settimane è certamente Robinho, il folletto brasiliano arrivato tre anni fa dal Manchester City e che avrebbe da tempo espresso il desiderio di tornare in Brasile e cercare di conquistare una maglia per i Mondiali del 2014: il Santos è l’unica pretendente, poiché il brasiliano ha come priorità tornare nel club che lo ha lanciato altrimenti non lascerà Milano e il Milan.

logo-milan

Neanche a farlo apposta però il brasiliano è risultato uno degli elementi più in forma in questa prima fase di allenamenti della nuova stagione: l’impressione è che voglia farsi trovare pronto fin da subito e non ripetere le numerose panchine della scorsa stagione. Ma il mercato per lui non si chiude all’incontro tra Galliani e il Santos, concluso con un nulla di fatto, poiché l’amministratore delegato rossonero sta parlando di rinnovo pronto, visto anche che Allegri lo considera importante.

Al momento però di ufficiale niente, e perciò visto che il club brasiliano dopo le eccellenti cessioni di Neymar, Rafael e Anderson che stanno facendo mugugnare i tifosi, cerca un importante colpo, potrebbe optare per lui visto che alternative non ce ne sono: dunque il rinnovo tanto paventato da Galliani potrebbe rivelarsi una interessante mossa per far tornare il Santos a bussare alle porte del Milan per mettere a tacere lo scetticismo dei tifosi entro il prossimo 20 luglio, data in cui si chiuderà il mercato brasiliano.

Leggi anche -> Milan, Robinho da possibile partente a punto fermo?

Leggi anche -> Ambrosini alla Fiorentina: i tifosi rossoneri chiedono rispetto

Leggi anche -> Calciomercato Milan: Ljajic arriva anche senza la partenza di Robinho?