Roma-Juventus, Tifoso multato per aver cambiato posto

Ha dell’incredibile quello che è successo a Roma-Juventus: tifoso multato in Curva Sud per aver cambiato il posto a lui assegnato. Il supporter giallorosso è stato sorpreso dalle telecamere dello stadio Olimpico in un posto diverso da quello che gli apparteneva, si era seduto su un seggiolino della Curva Sud diverso da quello indicato sul biglietto nominale. E’ una prassi per un tifoso di qualsiasi squadra posizionarsi in un posto diverso da quello assegnatogli quando si assiste alla partita dalla curva non solo allo stadio Olimpico ma in quasi tutti gli impianti italiani, ma questa volta a farne le spese è stato lo sfortunato abbonato di Curva Sud.

167 euro di multa da pagare entro 60 giorni (“pagamento in misura ridotta“), con l’eventualità, in caso di reiterazione dell’illecito nella stessa stagione calcisistica, di un Daspo da 1 a 3 anni, è questa la conseguenza che dovrà pagare il ragazzo. A fare luce sul “verbale di accertamento di violazione amministrativa” c’ha pensato l’avvocato Lorenzo Contucci. Un fatto che ha trovato l’ironia del legale penalista del Foro Romano che commenta ironico: “Cari supporter romanisti, sappiamo bene che in Curva Sud ci sono dei forsennati che non rispettano il posto assegnato e che seguono la partita in piedi, addirittura tifando, come fossero allo stadio. Questo lo fanno da sempre e grazie a loro la Curva Sud è divenuta famosa nel mondo però, per la Questura/Prefettura di Roma, sono loro il grande problema della nostra città“.

“Ad uno di questi forsennati – continua l’avvocato con vena polemica – è arrivata una sanzione amministrativa da 168 euro perché a Roma-Juventus non ha rispettato il posto indicato dal titolo di accesso, vale a dire l’abbonamento (e ciò apre una profonda riflessione sul concetto di abbonarsi ancora o prendere il biglietto di domenica in domenica)“. Una multa che va oltre la somma di denaro, come sottolinea ancora il legale penalista romano: “Per questo teppista (termine usato in maniera ironica) alla seconda violazione nella stessa stagione sportiva scatterà il daspo da 1 a 3 anni. E’ ovvio che il teppista farà ricorso, spiegando le ragioni che lo hanno portato a non rispettare il proprio posto”.

ROMA-JUVENTUS: GLI HIGHLIGHTS