Roma-Milan, l'attenzione rossonera sul contropiede dei giallorossi

Volente o nolente, venerdì il Milan si trova ad essere arbitro decisivo di questo campionato. La partita con la Roma, infatti vede i rossoneri nettamente in svantaggio sia dal punto di vista del campo (si gioca all’Olimpico), sia dal punto di vista della forza delle due squadre. Da una parte ci sono i giallorossi con all’attivo ben 7 vittorie consecutive in campionato (di cui due trasferte consecutive) a contendersi lo scudetto con la Juventus,  dall’altra il Milan con 5 vittorie di seguito (di cui due in casa) aggrapparsi alla speranza dell’ Europa League.

Le due compagini sono al meglio delle loro condizioni, ma se i rossoneri stanno pian piano recuperando i loro elementi migliori (uno fra tutti El Sharawy), i giallorossi invece perdono costantemente i loro protagonisti: prima si è infortunato Strootman, poi Benatia e infine Destro (per squalifica di 3 giornate).

Analizzando la gara, la Roma è la tipica squadra che fa del contropiede la sua arma migliore con i vari Gervinho e Liajc, per non parlare degli esterni, Maicon su tutti e proprio in questo difetta il Milan. Il sistema tattico di Seedorf, si presta il più delle volte proprio ai contropiedi avversari, rischiando di trovare i due soli centrali difensivi a fronteggiare i vari inserimenti di centrocampisti e attaccanti e questo per la mancanza di copertura della mediana rossonera con De Jong e lo stesso Montolivo che faticano a tornare.

Con l’inserimento di Poli, si è acquistato maggior equilibrio essendo l’unico giocatore in rosa a saper svolgere entrambe le fasi. Ieri, però Poli non ha giocato e in alcuni episodi si sono rivisti i soliti errori difensivi, per cui è auspicabile un suo inserimento nella formazione iniziale. La Roma va decisamente come un treno, nonostante le continue defezioni di uomini, ma il Milan delle ultime partite fa ben sperare con l’ausilio di Taarabt che è l’unico a creare la superiorità numerica e Balotelli che sembra intenzionato a superare il suo record personale di marcature, la partita non è poi cosi del tutto scontata.

 Leggi anche: