Roma-Milan, Philippe Mexes: "All'Olimpico per i 3 punti"

Il Milan è a lavoro per preparare nel migliori dei modi la difficilissima sfida di sabato sera all’Olimpico contro la Roma, con la speranza di chiudere questo 2014 nel miglior modo possibile. Intervistato ai microfoni di Milan Channel Philippe Mexes carica i suoi in vista della sfida contro i giallorossi e, nonostante non abbia mai dimenticato i suoi trascorsi nella squadra capitolina, dichiara che il Milan andrà all’Olimpico per ottenere la vittoria: “La Roma è e rimarrà sempre nel mio cuore, ma sabato andremo all’Olimpico per vincere. Dobbiamo scendere in campo sereni e concentrati, non ci devono essere rimpianti a fine partita”.

Il difensore milanista poi esalta la bella vittoria contro il Napoli ma allo stesso tempo mette in guardia i suoi compagni dichiarando che anche se la strada intrapresa è quella giusta c’è ancora tanto da lavorare e da migliorare: “La vittoria contro il Napoli è stata importantissima, ci ha dato una carica enorme e speriamo possa rappresentare una svolta. Dobbiamo mantenere i piedi a terra però, perchè non abbiamo ottenuto ancora niente. La strada intrapresa comunque è quella giusta e noi dobbiamo fare il possibile per crederci sempre e mantenere continuità di risultati. Ci tenevamo a vincere l’ultima partita dell’anno davanti i nostri tifosi.”

Dopo un inizio di campionato in cui la difesa rossonera sembrava un vero e proprio colabrodo, nelle ultime partita la squadra di Inzaghi, nonostante qualche amnesia, ha ritrovato una discreta solidità nel reparto difensivo e questo grazie anche ad un rivitalizzato Philippe Mexes: “Fa sempre piacere mantenere la porta inviolato, ovviamente il merito non è solo mio ma anche degli altri difensori e di Diego Lopez che in un paio di occasioni è risultato decisivo. Anche gli attaccanti spesso ci hanno dato una mano in fase difensiva ed è questo lo spirito giusto, siamo un gruppo coeso e affiatato e anche quando si perde non ci disuniamo mai e ci carichiamo a vicenda sempre di più”.

Leggi anche: