Roma, morto Boskov: fece esordire Totti nel 1992-93

Dopo la tragica scomparsa di Tito Vilanova il mondo del calcio piange un’altra perdita: è morto oggi Vujadin Boskov, storica figura di Roma, Napoli, Sampdoria e del mondo del calcio in generale. Il decesso è stato annunciato dal Vojvodina Novi Sad, squadra che lanciò Boskov nel mondo del calcio agli albori degli anni ’50, mentre i suoi funerali si svolgeranno martedì a Begec, sua citta natale.

Noto per lo scudetto vinto sulla panchina della Sampdoria e per la finale di Coppa Campioni persa contro il Barcellona, Boskov ha contribuito in maniera sostanziale a cambiare il mondo del calcio, regalando ai tifosi romanisti la gioia di veder esordire Francesco Totti nella stagione ’92/93.

L’ex Ct della Jugoslavia si era fatto apprezzare anche per i famosissime “aforismi” che ancora oggi ricordiamo con grandissimo piacere: “Se vinciamo siamo vincitori, se perdiamo siamo perditori“, oppure “meglio perdere una partita 6-0 che sei partite 1-0“, e infina l’arcinota “rigore è quando arbitro fischia“.

Ciao Mister, il calcio sentirà la tua mancanza.

Leggi anche –> E’ morto Vujadin Boskov: l’ex allenatore della Samp aveva 82 anni

Leggi anche –> Barcellona, è morto Tito Vilanova: camera ardente al Nou Camp