Scandalo Fifa, De Gregorio: “Blatter non è indagato”

Scandalo all’interno della Fifa con 7 arresti e indagini in corso, il portavoce Walter De Gregorio dichiara: “Blatter non è indagato”. Dopo una notte all’insegna del caos, con il blitz dell’intelligence investigativa americana che ha portato all’arresto e all’estradizione di alti membri della dirigenza della Fifa, De Gregorio prova a fare chiarezza, soprattutto sulla posizione di Joseph Blatter, numero uno dell’organizzazione del calcio mondiale: “Vogliamo collaborare con la giustizia americana e fornire tutte le informazioni necessarie per aiutare chi sta portando avanti l’inchiesta. Voglio continuare a ribadire che la FIFA è parte lesa in questa vicenda, la FIFA intende collaborare e fornire tutte le indicazioni necessarie ai procuratori che si stanno occupando del caso. Ci teniamo a precisare che il Presidente non è implicato al momento, il comunicato stampa del procuratore generale chiarirà alcuni informazioni necessarie per inquadrare il caso”.

Ancora De Gregorio: “Possiamo raccontare poco dell’indagine, mi limito a quanto detto e scritto dall’ufficio dei procuratori nel comunicato stampa di stamattina. Mi dispiace ripetere come la FIFA soffra rispetto a questa situazione, c’è un congresso che sta per iniziare qui a Zurigo e che si svolgerà regolarmente. Da parte nostra c’è l’intenzione di portare avanti il congresso in programma perché le indagini non sono relative al congresso, sono questioni separate. Domani saremo in caso di aggiornarvi. Non sappiamo altro”.

Sui mondiali 2018 e 2022:So che le Coppe del Mondo del 2018 e del 2022 saranno disputate regolarmente in Russia ed in Qatar. Questa indagine non è buona per la nostra immagine, ma lo è per la nostra pulizia. Abbiamo collaborato perché ci interessava questo. Non è un momento felice, ma possiamo dire che è una buona giornata perché ci aiuterà a fare chiarezza e pulizia. Finché non ci saranno certezze, non possiamo fare speculazione però. Il Presidente in questo momento non è coinvolto, tutto qui. E ripeto che al momento i prossimi due Mondiali non sono coinvolti.

Leggi anche: