Scudetto Juventus 2014-15: Stadium Inviolato

La Juventus batte anche il Napoli e si congeda davanti al proprio pubblico con un 3-1 che non lascia possibilità d’appello. Fantastico il dominio della squadra di Allegri che, sulla scia di quella di Conte, mantiene anche in questa stagione l’imbattibilità casalinga: tra campionato e Coppe, lo Juventus Stadium è stato violato solo 4 volte in altrettante stagioni. Ripercorriamo insieme il cammino dei bianconeri tra le mura amiche, con le gare clou di questo campionato.

6a giornata, Juventus-Roma 3-2 – Alla sesta giornata è già scontro scudetto: la Juve e la Roma ci arrivano a punteggio pieno, con i bianconeri che non avevano neppure subito un gol fino alla gara con i capitolini. Al primo tempo i giallorossi sono avanti 1-2 fino al rigore di Tevez che, nel recupero, pareggia la contesa. Ma all’87’ Bonucci esplode in un magnifico tiro da fuori e regala i tre punti alla Signora.

11a giornata, Juventus-Parma 7-0 – Sì, il Parma è fallito. Ma la Juve è mostruosa: i bianconeri strapazzano i ducali, rifilando loro ben sette gol e proseguendo il proprio cammino in testa alla classifica, sfidando ancora la Roma e il Napoli. Ah, Tevez salta tutta la difesa e segna.

13a giornata, Juventus-Torino 2-1 – Ci sono alcune partite che ti fanno capire che vincerai lo scudetto. Il derby di Torino è una di queste: gol-lampo di Vidal, meraviglioso pareggio di Bruno Peres. La gara sembra terminata quando all’ultimissimo secondo Pirlo calcia da fuori e regala l’apoteosi ai bianconeri.

22a giornata, Juventus-Milan 3-1 – Sì, il Parma era fallito come il Milan è allo sbando. Anche i rossoneri vengono piegati, con altre tre reti della fantastica squadra di Allegri. Difficilmente si era avuta una tale supremazia in questa rivalità.

31a giornata, Juventus-Lazio 2-0 – La Roma è oramai spenta, il Napoli è ko più volte, lo scudetto prende la via di Torino. Ma c’è la Lazio in grande ascesa: dopo sette vittorie di fila, la squadra di Pioli è spazzata via in soli 28′, con le reti di Tevez e Bonucci. Non ce n’è per nessuno.

37a giornata, Juventus-Napoli 3-1 – Il resto è storia di questa sera: la Juventus spazza via anche il Napoli e festeggia il quarto scudetto di fila. Ora c’è Berlino. Si festeggerà ancora?