Intervista a 360° per Sebastiano Rossi, classe ’64, ex portiere del Milan e compagno di altri grandi campioni rossoneri come Maldini e Costacurta.

A pochi giorni dall’incontro contro il Bologna, che 25 anni fa era stato sconfitto dai diavoli di Arrigo Sacchi con un formidabile 6-0, Rossi si lascia andare alla nostalgia ai microfoni di Corriere Tv:

“In quegli anni lì capitava che segnassimo tanti gol nella stessa gara, non era facile per quelli che ci incontravano e neanche per me, che ero impegnato veramente poco. Era bello giocare con quei campioni. Quando avevo la palla tra le mani, avevo subito persone che si proponevano”.

Sulla situazione attuale: “Non ci sono. È una piazza difficile, vesti la maglia di una società storica, le pressioni sono tante ed il tifoso si aspetta sempre il risultato. Ma anche gente che lotta e che si dà da fare per la maglia”.

Conclude scherzando sul suo record appena battuto da Buffon“Fossi stato in campo avrei cercato di non farmi portare via il record, ma quando sei fuori non puoi fare niente” – e sul suo carattere – “In una carriera può succedere di combinare qualche stupidaggine. Io avevo una nomea particolare e quando ho fatto qualche errore è stato enfatizzato”.

LEGGI ANCHE:

Milan, Dopo la cessione rimarrebbero in pochi

Milan, Abbiati parla infastidito a MChannel