Seedorf sempre in bilico, l'Europa League è un imperativo

Le 4 vittorie consecutive sono servite alla squadra rossonera per tornare in orbita Europa League, ma non sono bastate per fugare tutti i dubbi sull’effettiva permanenza nella prossima stagione di Clarence Seedorf. L’olandese ha saputo cambiare rotta e ha portato un netto cambio di mentalità alla squadra, l’unico neo che sembra contestargli anche la società riguarda alcuni suoi atteggiamenti fuori dal comune e poco vicini alla filosofia del club. In questo senso, l’ultima polemica venuta fuori sull’utilizzo di Montolivo ha fatto stizzire e non poco Seedorf il quale non ha gradito la fuoriuscita di notizie dal suo spogliatoio, dimostrando di non essere il più tipico degli yes-man che forse preferirebbe Galliani. Le sue idee che mal si sposano con quelle dell’Ad rossonero, hanno portato diversi fraintendimenti e rimproveri da parte della società che d’altro canto però non ha mai fatto sentire la sua vicinanza al tecnico olandese.

Questi misunderstanding ripetuti tra Clarence e Adriano non fanno il bene del Milan, ma soprattutto non garantiscono la fiducia necessaria all’allenatore per poter porre delle basi solide sulla squadra che verrà. Per Seedorf conterà solo una cosa, da qui al termine del campionato, vincere. Nelle ultime 5 partite che separano i rossoneri dal possibile approdo in Europa League sarà fondamentale per la sua riconferma ottenere dei buoni risultati con Roma e Inter, a quel punto nulla potrà essere imputato all’attuale tecnico. Il gioco del suo Milan non è bello e vivace come si vedeva nelle prime uscite “Seedorfiane”, però ora con praticità e cinismo sta ottenendo più di quanto ci si potesse attendere; allora viene spontanea una domanda: se negli ultimi 2 anni(forse anche di più) la squadra non riesce a esprimere un calcio convincente ed era allenata da Allegri, la colpa di un gioco sterile e contratto è da attribuirsi agli allenatori o a chi ha costruito sul mercato questa rosa rispettando il solo criterio dell’austerity e portando in maglia rossonera scarti di top club e giocatori in esubero del nostro campionato? A voi l’ultima parola.

“Leggi anche -> Milan non convincente, ma quante colpe ha Seedorf “

“Leggi anche -> Milan e Man Utd segnate dallo stesso probabile destino